Lo stato di massima pericolosità per incendi boschivi hanno spinto le comunità valdesi a rinunciare ai tradizionali falò del 16 febbraio.

La catasta nell’inverso di Pomaretto (foto Christian Bosio)

Erano già pronte le cataste per i tradizionali fuochi valdesi della vigilia del 17 febbraio. E se le precipitazioni previste fossero state copiose e avessero fatto venir meno il rischio di incendi i fuochi della libertà non sarebbero mancati. Purtroppo così non è stato. E se nel 2021 nonostante la pandemia i fuochi si erano accesi (con le dovute precauzioni), quest’anno in accordo con i vari comuni – visto il perdurare delle condizioni atmosferiche con siccità e vento, e dello stato di massima pericolosità per incendi boschivi sul territorio della Regione Piemonte – tutti i falò del 16 febbraio sono stati sospesi.