Ieri – 6 agosto – è stata una giornata speciale per il Comune di Sestriere, in particolare per i residenti di Champlas du Col e Champlas Janvier, frazioni del Colle che si affacciano sul versante dell’Alta Valle di Susa. L’apertura ufficiale del Museo del Carnevale di Champlas du Col, è stata vissuta con grande partecipazione ed entusiasmo da tutta la comunità riunitasi, nel rispetto delle norme anti Covid, per la conferenza tenuta nella piazzetta a lato del museo. Ospite d’onore della giornata Luca Mercalli, meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico, che è stato anche il primo visitatore del Museo del Carnevale Storico di Champlas.

«È sempre importanteha commentato Mercalliconservare il retaggio storico, le tradizioni dei nostri paesi di montagna. Oltre a mantenere viva la memoria per chi è residente, porta anche ad un vantaggio turistico perché sempre più c’è un turismo esigente che non si accontenta solo di una montagna sportiva ma vuole anche una montagna culturale. Complimenti a tutti coloro che hanno lavorato per la realizzazione di questo museo davvero speciale, custodito nella ex scuola ricostruita secondo lo stile alpino in un posto davvero magnifico che concilia, se vogliamo, il messaggio culturale che si vuole dare». Dello stesso avviso anche il sindaco di Sestriere Gianni Poncet che, insieme a Maurizio Cantele, Assessore del comune di Sestriere alle frazioni e all’ambiente, ha donato a Mercalli il libro sugli 80 anni del Comune di Sestriere. «Condividiamo quanto detto Luca Mercalli – spiega Poncetda tempo stiamo lavorando in chiave turistica per completare l’offerta legata allo sci e al turismo estivo con elementi distintivi del nostro territorio. Il Museo del Carnevale di Champlas rappresenta una perla preziosa legata alle nostre origini e, insieme al Museo delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006 alla sala Atl di Sestriere, inaugurato recentemente alla presenza del Generale Figliuolo, sarà inserito come pacchetto turistico per fare in modo che possa essere un valore aggiunto per tutti gli ospiti della nostra stazione turistica. Complimenti davvero a tutti coloro che hanno contribuito, con grande entusiasmo, alla realizzazione del Museo del Carnevale di Champlas du Col».

Nel corso della conferenza accompagnata dalle donne in abiti tipici del territorio sono intervenuti inoltre: il Consigliere Regionale Valter Marin, ex sindaco di Sestriere, Livio Prin ed Elisa Poncet, nell’ordine presidente e vice presidente dell’Associazione Fondiaria Champlas du Col e Janvier che ha sede nell’ex edificio scolastico ed ha avuto l’idea della mostra seguendone passo passo la sua realizzazione grazie a tutti i suoi volontari.

Il Museo del Carnevale Storico di Champlas, è allestito nei locali della ex scuola di Champlas du Col, in via Nazionale 46, lungo la strada SP 215. Le radici, la storia e le tradizioni della popolazione che da sempre vive nella fascia di territorio alpino dell’Alta Val Susa, ovvero, Champlas du Col e Champlas Janvier (divenute per Regio Decreto del 1934 frazioni del neonato Comune di Sestriere), risplendono in questo luogo dedicato alla memoria storica. La gestione dell’ex edificio scolastico è stata affidata all’Associazione Fondiaria Champlas du Col e Champlas Janvier che ha curato l’esposizione permanente di costumi e cimeli del Carnevale di Champlas oltre ad una serie di immagini scattate durante la sua celebrazione.

Recentemente il museo è stato completato con tre desk interattivi multilingue dov’è possibile interagire e scoprire le origini e le caratteristiche del territorio e rivivere le emozioni dello storico Carnevale sotto lo sguardo delle sue maschere che appaiono, a grandezza naturale, proiettate sullo schermo rendendo la visita ancor più emozionante.

L’ingresso è libero, previa prenotazione telefonica contattando i seguenti numeri: 348.931.96.01 oppure 348.654.26.94. Email: assfochamplas@gmail.com