Il Comune di Sestriere comunica di aver incontrato venerdì 2 dicembre 2022 i rappresentanti degli sci club locali, motore economico del territorio, per un punto della situazione alla vigilia della nuova stagione invernale.

 

I rappresentanti degli Sci club riuniti in comune a Sestriere.jfif

Il Comune di Sestriere è sempre sensibile nel supportare la pratica, lo sviluppo sportivo e professionale dello sci alpino, principale motore economico del territorio. Lo ha ribadito, venerdì 2 dicembre, l’amministrazione comunale ai rappresentanti degli sci club locali, convocati nella sala consiliare del municipio per un punto della situazione alla vigilia della nuova stagione invernale.

Azioni a sostegno dei giovani atleti

Il sindaco di Sestriere, Gianni Poncet, insieme al vicesindaco Francesco Rustichelli e l’assessore Maurizio Cantele, hanno ricordato l’incremento delle azioni a favore dei giovani residenti impegnati con successo tra le fila dei vari sci club:

  • dall’ulteriore abbattimento grazie al contributo del Comune di Sestriere delle tariffe degli skipass stagionale Vialattea, rispetto a quelle concordate dall’Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea con la Sestrieres SpA
  • alla disponibilità di due piste, più una metà di un’altra, riservate agli allenamenti degli atleti degli sci club

Il commento del sindaco

«Come Amministrazione – ha commentato il Sindaco Gianni Poncet – siamo davvero felici di poter contribuire sia a livello di quote dei ragazzi per l’adesione agli sci club del territorio sia confermando per il secondo anno consecutivo la disponibilità gratuita delle piste di allenamento a Sestriere per i ragazzi grazie all’accordo con la Sestrieres Spa. Piste che consentiranno ai nostri giovani e a tutti quelli, valligiani e cittadini, iscritti tra le fila dei vari sci club del territorio, di potersi allenare e disputare gare di livello restando in zona senza dover affrontare onerose trasferte. Un percorso importante per questi giovani: una parte di loro proseguirà la propria carriera agonistica, altri troveranno occupazione come maestri di sci o imprenditori del settore turistico, garantendo un prezioso ricambio generazionale per la nostra stazione turistica internazionale».