Da quando è arrivato il Covid-19 sembra tutto cambiato. Su questo cambiamento fin dal titolo – “L’aria che cambia: storie di trasformazioni” – vuole riflettere anche Scritto Misto, tradizionale Festival letterario di libri e musica, nella settima edizione che partirà tra qualche settimana.

Deborah Severini, curatrice di Scritto Misto

«La letteratura racconta la vita – spiega Deborah Severini, anima organizzativa di Scritto Misto –, ma la pandemia ha stravolto il nostro modo di intendere la vita. Il Covid è stata un’esperienza condivisa a livello mondiale da tutte le persone senza distinzioni: nel programmare Scritto Misto abbiamo provato a sollevare delle domande, non per negare la realtà della pandemia, ma per affrontarla in modo più umano, più umile, più consapevole. Gli eventi sono più numerosi del passato e tutti (tranne un paio dal vivo) perché abbiamo bisogno di trovarci anche fisicamente insieme, di ricreare quelle relazioni compromesse dalla pandemia».

Una presentazione con Patrizio Righero a Scritto Misto qualche anno fa.

Se la rassegna in passato era stata legata a un singolo paese (al Laux fino al 2019 e lo scorso anno al Forte di Fenestrelle), quest’anno diventerà itinerante per la val Chisone: da Perosa a Pragelato, da Fenestrelle al Laux (Usseaux). Primo appuntamento nel week end del 17 e 18 luglio a Perosa Argentina presso Villa Willy: il sabato dalle 16:30 con “Il dono della rinascita” di Lucia Schillirò e “Amore contrario” di Luisio Luciano Badolisani; stesso orario la domenica con “Banditi nelle valli valdesi” di Luca Perrone e “Henri Arnaud: immagini di un valdese non valdese” (raccontato da Davide Rosso) e a seguire l’incontro online con Andrea De Carlo e il suo “Il teatro dei sogni”. Il 24 luglio sarà invece il Laux ad accogliere “L’incredibile viaggio di Odilla” di Cristina Menghini (Zia Cri) e “Misteri a Rollo Pine» di Silvia Arseni inframezzati dal recital “Per me si va nella grotta oscura” di Laura Pariani.

La copertina de L’incredibile viaggio di Odilla, che Zia Cri presenterà durante Scritto Junior

«Si tratta di una novità di quest’anno: Scritto Junior propone dei libri cosiddetti per ragazzi, che in realtà si rivolgono anche ai grandi e, in particolare, al bambino che è in ognuno di noi». Domenica 25 luglio Scritto misto fa un’incursione mattutina a Pragelato dove il sindaco Giorgio Merlo presenterà la sua ultima fatica “Franco Marini, il popolare”, per tornare nel pomeriggio al Laux con “I borghi alpini di Usseaux” di Lina Brun e l’atteso e tradizionale incontro col vescovo Derio Olivero che racconterà “Riprendiamoci la tavola”.

Il vescovo Derio Olivero in una delle scorse edizioni di Scritto Misto

Dal 31 luglio la sala consiliare di Fenestrelle diventa la protagonista di Scritto misto, esordendo con un incontro dedicato a sport e disabilità con ospiti illustri come Tiziana Nasi (presidente della federazione sport invernali paralimpici) e un’atleta paralimpica come Silvia De Maria. Il primo agosto al mattino riserva un’uscita sul territorio “Sulla strada dei valdesi” tra storia con Davide Rosso e natura con Michel Bouquet, mentre al pomeriggio si torna a parlare di libri con Andrea Tridico (Il sentiero) e Erica Bonansea (Un regno nel vento). Gli ultimi appuntamenti – 7 e 8 agosto – prevedono un dialogo tra Paolo Scquizzato e Luca Mercalli il sabato, e un tris di autori l’indomani con Laura Pariani (Apriti mare), in collegamento online Lorenzo Marone (La donna degli alberi) e Roberto Cavallo (La Bibbia dell’ecologia).

Ai vari incontri per ragioni di spazi occorrerà prenotarsi al 339.83.16.786.

Come sempre accanto alla letteratura non mancheranno ospiti musicali come Giovanni Battaglino, Simone Lombardo, Dino Tron, il Quintetto d’Archi del maestro Guido Neri e in occasione di Scritto Junior per restare in tema di gioventù i ragazzi dell’Ensemble di clarinetti e sassofoni del Corelli, diretti da Chiara Percivati.