Il sindaco di Pragelato Giorgio Merlo e il suo vice Mauro Maurino chiedono alla Regione impegni precisi e definiti per affrontare il problema dell’innevamento artificiale delle piste da sci.

 

Il sindaco Giorgio Merlo e il vicesindaco di Pragelato Mauro Maurino sono perentori: «Il problema dell’innevamento delle piste da sci nel comparto della Via Lattea, come di altri comprensori territoriali, che si ripete ormai ogni anno e con sempre maggiori difficoltà, potrà essere seriamente affrontato e risolto a due precise condizioni: e cioè,

  • con un impegno finanziario preciso e tempestivo della Regione Piemonte da un lato e
  • rimuovendo elementi ostativi e bloccanti da parte di organismi subordinati della stessa Regione dall’altro

 

Il rischio di avere piste inutilizzabili

«Senza questi due impegni politici e programmatici – sottolineano – si corre il serio rischio che intere piste del Piemonte saranno semplicemente inutilizzabili nonché chiuse al pubblico e ai turisti. Con pesantissime ricadute economiche ed occupazionali per i gestori delle piste da un lato e per l’intero sistema economico territoriale dall’altro».

 

Conservare la vocazione storica del territorio

«Ecco perché – aggiungono – gli eventi internazionali di questi giorni a Sestriere, importanti e qualificanti per il rilancio e la qualità del nostro territorio, non possono farci dimenticare il capitolo dell’innevamento. E questo non per motivazioni burocratiche e protocollari ma, al contrario, per conservare e consolidare un pezzo della vocazione storica di questi territori».