«Le scelte, seppur legittime e trasparenti dell’autorità scolastica, non dovrebbero però mai andare a scapito della continuità didattica con possibili ricadute negative per gli stessi bambini», così inizia un comunicato emesso da Giorgio Merlo e Mauro Maurino (rispettivamente sindaco e vicesindaco, con delega all’Istruzione, di Pragelato) per stigmatizzare una scelta della preside dell’Istituto Gouthier, Giuliana Massaro.

«È  il caso di ciò che è capitato in questi giorni a Pragelato – prosegue il comunicato – dove, nel pieno rispetto delle scelte compiute dal dirigente scolastico di Perosa Argentina e senza interferire minimamente come Amministrazione Comunale, è stata licenziata un’insegnante perché è rientrata dall’aspettativa, dopo molto tempo, chi ricopriva quel ruolo. Ora, in un momento difficile per tutti e con la scuola sospesa per ovvi motivi, il fatto di dover iniziare un percorso didattico con i bambini da parte di un’insegnante non conosciuta dai bambini stessi e a distanza, rischia di creare problemi non secondari anche sotto il profilo della cosiddetta continuità didattica. Oltre alla conoscenza diretta dei bambini maturata nel corso di questi anni e di questi mesi da parte della insegnante licenziata».

«Ci siamo permessi – concludono Merlo e Maurino – di inviare una lettera al Dirigente scolastico per sottoporre alla sua attenzione questi problemi perché, a volte, il rispetto legittimo dei principi burocratici rischia di provocare effetti sgraditi. Che, tra l’altro, sono stati evidenziati in questi giorni da molti genitori di Pragelato».