Il 2 maggio la IV della Scuola Primaria Hurbinek ha ricordato il partigiano caduto Aristide Soullier. Anche le altre classi e la Scuola dell’Infanzia Cipì – ciascuna adottando una via o un monumento – hanno fatto altrettanto nei giorni scorsi.

 

Nel pomeriggio del 2 maggio la classe IV della Scuola Primaria Statale Hurbinek di Pinasca ha raggiunto a piedi la targa che ricorda il partigiano Aristide Soullier di fronte alla cappella della Madonna delle Nevi a Borgo Soullier (che dal partigiano trae il nome). Qui dopo aver cantato Fratelli d’Italia e Bella Ciao, i ragazzi – con la loro maestra Carla Reymondo e il presidente della locale ANPI Guido Rostagno – hanno appeso un loro lavoro per ricordare il partigiano Aristide.

Omaggio anche sul luogo della fucilazione

In seguito la scolaresca ha reso omaggio anche alla lapide sul luogo della fucilazione di Soullier e di altri partigiani lungo il muro dell’ex RIV.

 

Un grazie ai Vigili

«Un grazie particolare – ha sottolineato la maestra Carla – alla polizia municipale di Pinasca nelle persone del Comandante Francesco Rocchietto e di Piero Genre, che ci hanno permesso di raggiungere in sicurezza la lapide di Soullier».

 

L’invito dell’ANPI

L’iniziativa nasce dall’invito rivolto dall’ANPI alle classi della Scuola Primaria Hurbinek e dell’Infanzia Cipì per commemorare il 25 aprile. Ogni classe ha “adottato” una via o un monumento dedicato ai partigiani, dei quali ha approfondito le vicende per poi realizzare un lavoro – per illustrarne la storia – che è stato appeso alle mattonelle commemorative.