Nel pomeriggio del 24 luglio scorso i ragazzi dell’oratorio “San Giovanni Paolo II“, con l’aiuto di alcuni adulti, hanno piantato un albero di abete – «un simbolo di resurrezione», ha spiegato il parroco Alessandro Ricci – in ricordo del loro catechista e animatore Franco Haeffely a trenta giorni dalla sua «nascita al Cielo». Alla piantumazione è seguita la messa di trigesima, accompagnata da molti canti che piacevano a Franco e da lui insegnati ai ragazzi che seguiva.

Foto di Sara Rostagno