L’Avis di Pinasca ha festeggiato l’11 settembre il suo 55° anniversario di fondazione con il corteo per il paese insieme alle consorelle e l’inaugurazione di una speciale panchina nel parco “Volontari del sangue”.

55 anni sono una bella età per un’associazione. E l’Avis di Pinasca non ha lesinato l’impegno per celebrare questo traguardo.

 

Una panchina Avis nel parco “Volontari del sangue”

Nella mattinata dell’11 settembre la festa è iniziata accogliendo le Avis consorelle per poi – al seguito dell’Unione Musicale di Inverso Pinasca diretta da Riccardo Chiriotto – percorrere in corteo il paese, passando davanti al monumento ai caduti, alla Piccola Casa della Divina Provvidenza e alla sede dell’Avis prima di arrivare nel parco “Volontari del sangue” (di fronte al municipio). Qui è stata inaugurata una panchina speciale, realizzata anche grazie al lavoro offerto da

  • ditta Damiano Fulvio (scavo)
  • ditta Micol Jury (collegamento elettrico per la luce a led che illuminerà la panchina nottetempo)
  • ditta Scattolin Andrea (lavori di tinteggiatura)

 

Gli interventi

Raggiunto il salone polivalente hanno portato i saluti

  • il presidente dell’Avis Pinasca, Marco Damiano
  • il sindaco di Pinasca, Roberto Rostagno
  • il presidente della Croce Verde Perosa Argentina (a cui l’Avis ha devoluto parte delle spese per le benemerenze), Piero Tron
  • il presidente di Admo Piemonte, Stefano Balma
  • il presidente dell’Avis di Oulx-Sauze d’Oulx-Cesana, Giorgio Arlaud
  • don Dariusz Komierzynski, parroco di Dubbione, che ha condotto una riflessione sul significato del dono alla luce del messaggio evangelico

 

Premio per Flavio Roventi Beccari, presidenza onoraria a Giovanni Berger

Nell’occasione sono stati premiati

  • Flavio Roventi Beccari per le 120 donazioni di sangue
  • Giovanni Berger a cui è stata conferita ufficialmente la presidenza onoraria dell’associazione

 

I benemeriti

Durante il pranzo comunitario presso il Ristorante Chiabriera (Pomaretto) il presidente Damiano ha premiato tutti i donatori benemeriti. In totale sono stati assegnati:

  • 7 distintivi in rame (8 donazioni)
  • 12 distintivi in argento (16 donazioni)
  • 11 distintivi in argento dorato (36 donazioni)
  • 6 distintivi in oro (50 donazioni)
  • 6 distintivi in oro con rubino (75 donazioni)
  • 5 distintivi in oro con smeraldo (100 donazioni)

 

Foto Sara Rostagno