Anche in Didattica a Distanza, la Scuola non rinuncia al suo ruolo educativo. Lo dimostra l’iniziativa partita dalla Vª B della Scuola Primaria di Perosa Argentina, che sta invitando – grazie ai social – i perosini a firmare per la concessione della cittadinanza italiana a Patrick Zaki (studente egiziano dell’Università di Bologna in carcere da oltre un anno al Cairo per motivi politici).

Un’idea nata durante la lezione di Educazione Civica e a un’intervista con il sindaco di Perosa, Nadia Brunetto. «Ho fatto un’intervista online con la classe perché causa Covid non sono potuti venire in comune – spiega Brunetto – e mi hanno chiesto se noi avessimo intenzione di dare la cittadinanza a Zaki, perché loro avevano letto che alcuni comuni l’avevano fatto. Per coinvolgerli più attivamente li ho invitati a leggere lo statuto del Comune per capire come i cittadini possono chiedere e partecipare alle scelte del comune… a quel punto loro hanno scelto di raccogliere le firme online: una iniziativa che va pubblicizzata!»

Nadia Brunetto, sindaco di Perosa

“Dopo aver intervistato la Sindaca Nadia Brunetto – spiega la classe nella petizione aperta online su Change.org -, abbiamo letto lo statuto comunale (ndr che prevede la possibilità per i cittadini di sottoporre in forma collettiva petizioni e proposte all’amministrazione)… Abbiamo perciò deciso di raccogliere il maggior numero di firme possibile perché vorremmo che anche Perosa Argentina aderisse all’iniziativa “100 città con Patrick” dando a questo ragazzo la cittadinanza italiana e sottolineando che con il suo arresto è stato violato uno dei più importanti valori umani: la libertà dell’individuo. Con questo atto, inoltre, si chiede al Governo egiziano che Patrick venga liberato e possa affrontare il suo giudizio nel rispetto dei diritti umani”.