Un doppio appuntamento in ricordo della Festa della Liberazione: il 23 aprile Perrero scopre due angoli di Resistenza, il 24 a Salza la tradizionale fiaccolata di valle.

 

Con l’allentarsi delle restrizioni dovute al Covid, nel 2022 si ripropone la fiaccolata di valle alla vigilia del 25 aprile.

Fiaccolata di valle a Salza di Pinerolo

Ad ospitare l’iniziativa domenica 24 aprile Salza di Pinerolo in collaborazione con il vicino comune di Massello, l’Unione montana e l’Anpi di Perosa e valli e con la partecipazione delle scuole di Perrero.

Il programma

  1. Alle ore 20 del 24 ritrovo nei diversi punti da cui partirà la fiaccolata da Salza – borgate Serre, Campoforano, Minieri, Coppi e Inverso e a Massello – e dalla Proloco di Massello (borgata Molino).
  2. Alle 20:30 i vari cortei confluiranno alla Friulana di Salza (impianti della Proloco), dove sono previsti:

 

  • i saluti delle amministrazioni
  • gli interventi dei presidenti delle sezioni Anpi di Perosa e Valli (Silvano Bertalot) e di Inverso e Pinasca (Guido Rostagno)
  • interventi delle autorità civili e religiose
  • letture di testimonianze
  • canti della Resistenza a cura di:
  • Ludovico Sanmartino
  • Matteo Pons
  • Erik Barale

Dal vivo due angoli di Resistenza a Perrero

A far da ideale preambolo alla fiaccolata, sempre in val Germanasca, sabato 23 aprile in ricordo della Liberazione è in programma una manifestazione intitolata “Vivi dal vivo due angoli di Storia della Val Germanasca”.

I promotori

A promuovere l’iniziativa

  • la Libera Associazione Valli Chisone e Germanasca
  • con il Gruppo Teatrale La Cricca

e il patrocinio di

  • Unione Montana
  • Comune di Perrero
  • Comune di Pomaretto
  • Comune di Perosa Argentina
  • Comune di Prali

e con la collaborazione di

  • ANPI Perosa e valli,
  • Gruppo ANA di Prali
  • Gruppo ANA Perrero
  • Gruppo ANA Pomaretto
  • Scuola Primaria e Secondaria di Perrero
  • Chiese Locali
  • AIB Val Germanasca

Ritrovo sul piazzale di “Al Palazzetto”

Il ritrovo – muniti di calzature idonee a percorrere una breve mulattiera – sarà alle 14:30 sul piazzale del Ristorante “Al Palazzetto” (in cui sarà possibile cenare a prezzo convenzionato al termine della camminata) da dove partirà un corteo alla volta della lapide in ricordo di Renzo Santiano e di Giuseppe Argento.

Mostra di disegni delle scuole

Alle 15 i presenti arriveranno alle scuole di Perrero per i saluti delle autorità e l’apertura di una mostra di disegni opera degli alunni.

Un luogo a sorpresa

A questo punto la passeggiata raggiungerà il primo “angolo di Resistenza”, un luogo a sorpresa che sarà raccontato da uno storico.

Il ricordo di una vittima dimenticata

Il secondo angolo di Resistenza – da cui il titolo della manifestazione – è nella zona delle Ribbe. un’ultima tappa dal significato importante. «Verrà ricordato – racconta la mente dell’iniziativa, Beppe Agù – il caduto civile Giuseppe Giovanni Freyria. Ucciso il 23 marzo 1944 dai soldati tedeschi per un malinteso – credevano di sparare a una casa piena di partigiani -, Freyria per oltre settant’anni non era stato mai ricordato e con l’occasione rimedieremo a questo torto».

Concerto dei Bric Boucie

Dopo cena, il programma continua alle ore 21 presso il Tempio di Perrero, col concerto del Coro Bric Boucie sezione ANA di Pinerolo (ingresso libero, eventuali offerte andranno alla scuola sotto forma di buoni acquisto di materiale didattico) e, in chiusura, con la consegna degli attestati ai ragazzi partecipanti e alle associazioni aderenti all’iniziativa.

GR