Non è in programma l’elezione del sindaco all’ombra del Forte, ma anche per i fenestrellesi il 26 maggio le votazioni presenteranno qualche novità.

«Abbiamo deciso di fare una razionalizzazione – spiega il sindaco Michel Bouquet -. Già in occasione delle Regionali e delle Europee per tutti gli elettori di Fenestrelle sarà predisposto un unico seggio elettorale nei locali del municipio». Fino ad ora erano due i luoghi deputati a raccogliere le preferenze dei votanti: la scuola, nel capoluogo, e la sede del Parco Orsiera Rocciavrè (oggi assorbito dall’Ente Parchi Alpi Cozie) a Mentoulles. Spiega ancora il primo cittadino: «In municipio si adibirà la sala del consiglio per le operazioni di voto, sono presenti le stanze per ospitare i militari, i bagni. C’è anche l’ascensore a disposizione dei disabili o di chi, per motivi di età o salute, faccia fatica a salire le scale».

Il sindaco di Fenestrelle, Michel Bouquet

I vantaggi si possono riassumere nel dimezzamento dei costi generici e legati al personale necessario alle operazioni di voto – non solo gli scrutatori, ma anche le forze dell’ordine tenute a presidiare i seggi – e nella maggior vicinanza all’ufficio elettorale comunale. Senza contare che in questo modo sia la sede del parco, sia soprattutto le scuole non saranno costrette a rimaner chiuse in occasione degli appuntamenti elettorali.

Erano stati circa trecentocinquanta – i residenti sono più o meno 500 – a votare nelle consultazioni del 2017, quando Bouquet e la sua lista ebbero la meglio nella contesa elettorale. Un numero certo non meritevole di due sezioni per il voto, se non fosse per le distanze tra le borgate di Fenestrelle e il centro. «Abbiamo anche valutato – prosegue Bouquet – il problema che sorge per chi, senza auto, era solito recarsi a piedi a Mentoulles per votare. Per rimediare al disagio, metteremo probabilmente a disposizione una macchina per portare a votare queste persone».