Oggi, 7 maggio, si è svolta la conferenza stampa in cui il Presidente della regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi hanno presentato la situazione RSA in Piemonte.  Secondo i dati forniti sono 659 le residenze per anziani sul territorio considerate Covid free, il 96,5% del totale.

Dura la replica del gruppo regionale del PD che tramite un comunicato stampa critica l’attuale gestione. «Non è scontato trovare allineati nelle critiche gestori, consorzi, familiari: la giunta regionale ce l’ha fatta, lasciando in pandemia alle RSA compiti che sono prettamente sanitari. Le RSA, per ragioni di salute mentale degli utenti e delle famiglie, che vale quanto quella fisica, devono riaprire alle visite in sicurezza ma anche rinnovarsi urgentemente».

Ma le critiche non si limitano solamente alla gestione delle strutture:  «Cabine di regia disertate, mancanza di confronto con le associazioni di categoria e con le associazioni dei parenti, i ristori per la prima ondata di Covid pagati in gran parte con i soldi delle convenzioni LEA degli utenti, finora solo vantati e ancora non arrivati».

Federico Depetris