Skip to Main Content

Città  

Pinerolo piange Sergio Coalova

Pinerolo piange Sergio Coalova

Se n’è andato all’inizio di questa primavera che sente ancora addosso il respiro dell’inverno. Ma certo Sergio Coalova, a chi si lamenta di questi ultimi freddi, risponderebbe con un sorriso: il sorriso di chi ha sofferto ben altri patimenti e privazioni prima da partigiano e poi da deportato.

Nato a Pinerolo nell’agosto del 1923, appena ventenne salì in montagna aderendo alla lotta nella 5 Divisione di GL in Val Pellice. Il 20 marzo 1944 viene catturato durante un rastrellamento e incarcerato alle Carceri Nuove. Passa poi da Fossoli e Bolzano e infine a Mauthasen. Alla liberazione del campo di prigionia riesce tra mille peripezie a rientrare a Pinerolo in quali precarie condizioni non è difficile immaginarlo. Si riprende e mette su famiglia e, a lungo, tace su quello che ha vissuto. Poi matura la decisione di trasmettere alle nuove generazioni la testimonianza di quello che ha visto e vissuto: allestisce mostre, va nelle scuole a raccontare la sua esperienza ai ragazzi, scrive anche un libro, “Un partigiano a Mauthausen”. E continuerà questa missione finché le forze glielo consentono.

Lascia la moglie Lidia, le figlie Mariella e Paola e le loro famiglie.

Martedi 27 marzo è previsto il funerale alle 10 presso la chiesa di San Maurizio.

LASCIA UN COMMENTO  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *