21 ottobre 2015

In tempi di crisi, numerose associazioni cercano di contrastare l’impatto devastante che questa ha prodotto su molte famiglie. Tra le iniziative promosse partendo dal nostro territorio, all’ interno del progetto “Adotta una famiglia”, la quarta raccolta alimentare (pasta, riso, olio, tonno, pelati, scatolame, altro…) dedicata alla solidarietà il 23 e il 24 ottobre. Tale iniziativa invita a fornire un sostegno in viveri alle famiglie in difficoltà della Val Noce donando una parte della propria spesa a chi non può farla.

Il progetto e nato nel 2010 nell’ ambito della Caritas, ma si e potuto ampliare grazie all’ adesione dei commercianti e a diverse associazioni dei tre comuni di Cantalupa, Roletto e Frossasco. «Attualmente sono ventuno le famiglie che seguiamo con borse viveri settimanali e un supporto finanziario per consentire il pagamento di bollette, riscaldamento, affitti e spesa. L’esito che ha avuto il progetto in questi anni – commenta don Virgilio Gelato – mette in luce quanto la gente sia sensibile nei confronti dei meno fortunati.

La comunita finora ha  sempre cercato di aiutare come può, fornendo aiuti con offerte di ogni genere anche sotto forma di volontariato. I numeri parlano chiaro: da quando e nata questa iniziativa, abbiamo raccolto circa 135mila euro, contando anche sull’ aiuto pratico di venti volontari votati alla causa e per questo, a nome della Caritas e a titolo personale, non posso che ringraziare». Chi volesse contribuire alla raccolta può farlo venerdì 23 presso la scuola secondaria di Frossasco e nelle scuole dell’infanzia e primarie del territorio della Val Noce e sabato 24 presso le attività commerciali e nelle piazze dei Comuni aderenti all’ iniziativa.

C.P.
colletta_alimentare2013--400x300