15 maggio 2015

«È ancora presto per fare un bilancio ma dalle prime segnalazioni giunti emerge un quadro piuttosto grave, soprattutto per i frutteti». Non nasconde la sua preoccupazione Giancarlo Foco, segretario Coldiretti della zona di Pinerolo, circa i danni causati dal nubifragio di questa mattina. «La grandine ha colpito soprattutto i comuni della pianura e della bassa Val Pellice: Vigone, Macello, Garzigliana, Osasco, Cavour, Campiglione, Bibiana… Ma anche a Frossasco. E le segnalazioni da parte delle aziende continuano ad arrivare».

Si parla di danni anche del 100% per mele, kiwi, albicocche e la frutta in generale. Danni del 50% – 60% per orzo e frumento. Meno gravi per il mais anche se molte piante risultano tranciate. Qualche comune sta pensando di fare segnalazione calamità atmosferica a Provincia Regione.
«Dopo che i periti avranno fatto le dovute valutazioni – conclude Foco – avremo un quadro più completo. Tuttavia è chiaro che i danni sono ingenti e che la stagione per l’agricoltura è cominciata nel peggiore del modi».

La grandinata a Garziglina del 15 maggio