Tra le applicazioni future del Metaverso Regione Piemonte, CSI Piemonte e Ordine degli Psicologi da gennaio faranno partire la sperimentazione di uno sportello virtuale per il contrasto al cyberbullismo.

 

 

Regione e CSI Piemonte hanno aperto le porte del Metaverso a 150 rappresentanti del mondo dell’imprenditoria, della ricerca e dell’innovazione, delle Università e delle istituzioni.

 

Le future applicazioni del metaverso

Nella Casa delle Tecnologie emergenti di Torino hanno potuto provare i visori ed entrare in una realtà immersiva per sperimentare quelle che saranno le future applicazioni di questa tecnologia, da molti descritta come una prossima evoluzione del web in cui gli utenti, tramite il proprio “avatar” potranno interagire tra loro e con l’ambiente e vivranno esperienze fisicamente coinvolgenti.

 

 

Uno sportello virtuale per il contrasto al cyberbullismo

«È l’avvio di una grande sfida – ha sostenuto l’assessore regionale alla Ricerca e Innovazione Matteo Marnati -. Siamo agli inizi di un percorso che, sappiamo, potrà arricchirsi di nuove tecnologie, e quindi suscettibile di ulteriori aggiustamenti e vogliamo essere al passo con i tempi. A gennaio partirà la sperimentazione, in collaborazione con CSI e Ordine degli psicologi, di uno sportello virtuale per il contrasto al cyberbullismo, fenomeno che oggi colpisce molti ragazzi. Dovremo coinvolgere gli studenti per verificare se questo nuovo strumento potrà aiutarli per affrontare questo problema. E in futuro sviluppare anche servizi per i cittadini e le imprese».

P