Si è conclusa il 30 gennaio a Bousson un’importante fase dell’addestramento sci-alpinistico delle unità della Brigata Alpina “Taurinense”. Attività che ha visto impegnati i plotoni dei reggimenti della Brigata – equipaggiati per il combattimento in ambiente montano ed invernale – in un’impegnativa serie di prove topografiche, sci-alpinistiche e di soccorso in caso di valanga, alternate a sessioni di tiro con armi portatili e lancio di bomba a mano.

L’addestramento si è articolato sulle medesime prove che vedranno impegnati oltre un migliaio di militari di tutti i reparti alpini nell’esercitazione Volpe Bianca – Ca.S.T.A. (Campionati Sciistici delle Truppe Alpine), importante momento di verifica dell’addestramento nel saper operare in ambiente montano innevato in programma nelle vallate olimpiche dell’Alta Val di Susa dal 9 al 12 marzo prossimi. Tra i vari plotoni, la rappresentativa del 3° reggimento alpini si è classificata prima nella prova valutativa conclusiva di tale attività, evidenziando una forma fisica ed una preparazione tecnico tattica di spessore. Sin dall’inizio del periodo invernale le attività in montagna della “Taurinense” e del 3° alpini si sono susseguite senza soluzione di continuità.

L’addestramento sci-alpinistico rappresenta per le Truppe Alpine uno dei momenti fondamentali della loro formazione specialistica. I numerosi corsi svolti nella stagione invernale permettono agli Alpini di approfondire la conoscenza dei materiali e del loro corretto uso, forniscono i concetti base relativi al fenomeno nivologico, onde poter prevenire i rischi valanghivi, e li addestrano alle tecniche di autosoccorso e soccorso organizzato in ambiente montano. Sicurezza e soccorso sono, infatti, elementi che caratterizzano l’impiego delle Unità Alpine.

Il quotidiano addestramento che la “Taurinense” svolge in montagna non mira solo a migliorare gli aspetti prettamente operativi, bensì è rivolto anche ad incrementare la sicurezza dei cittadini. Nuclei di Assistenti Militari alle piste da sci sono presenti nei comprensori piemontesi della Via Lattea, Bardonecchia, Pragelato e Frabosa Soprana ed in quelli abruzzesi di Campo Imperatore e Campo Felice.

Sempre in tema di sicurezza in montagna, gli Alpini della “Taurinense” effettuano rilevamenti meteo-nivometrici per il Meteomont, il servizio gestito dal Comando delle Truppe Alpine di Bolzano che, attraverso una rete di stazioni automatiche e manuali, monitorizza costantemente i valori di temperatura, umidità, precipitazioni, stato e quantità della neve, con particolare attenzione al pericolo di slavine e valanghe. Questi dati vengono raccolti ed elaborati per fornire ai cittadini i bollettini di avviso utilizzati anche dai servizi di Protezione Civile.

Comunicato Stampa