Sabato 18 e domenica 19 settembre per le vie di Cavour si terrà la manifestazione apistica “Alveare”. Un sostantivo ma non solo, come spiega lo scrittore Alessandro Bergonzoni: “Alveare è un verbo. Al mondo servono api, aria e ali per spazzare la terra. Così come sono gli uomini non bastano ancora. Alveiamo, voce del nuovo verbo Alveare, vuol dire diamoci da fare per salvare le api e quindi il nostro Pianeta”. Il Piemonte  è la regione italiana con la maggiore produzione di miele in Italia, mentre Cavour tradizionalmente rappresenta un’eccellenza nella produzione frutticola a cui le api contribuiscono con l’impollinazione (oltre ad essere un indicatore biologico della salubrità di un territorio). Questi in sintesi i motivi che hanno indotto l’Amministrazione Comunale di Cavour e la Procavour, con la collaborazione degli apicoltori, dei produttori di miele, dell’Associazioni di Categoria e degli Enti Pubblici del Territorio all’organizzazione di una manifestazione apistica unica nel panorama regionale. La valorizzazione di un prodotto, dell’area da cui proviene, degli operatori del settore in un periodo certo non facile rappresentano una sfida avvincente. I mutamenti climatici che stiamo vivendo mettono a dura prova la sopravvivenza di una specie che risulta indispensabile alla sopravvivenza del mondo come lo conosciamo.
Nei due giorni a Cavour si metteranno in produzione, gli abbinamenti gastronomici con il nettare delle api e le mostre culturali correlate con iniziative didattiche per divulgare la necessità della preservazione delle api per l’ecosistema.