20 aprile 2016

 

Torna la libreria vivente e questa volta si arrampica sulle pendici delle Alpi. Il primo esperimento pinerolese di questa singolare modalità di presentare libri e di incontrare gli autori si era svolta il dicembre scorso nei locali del ristorante L’Ora Giusta. Per questa nuova edizione la location è quella del Museo di Scienze Naturali Mario Strani di Pinerolo, alloggiato a Villa Prever. Come funziona una “libreria vivente”? Un autore, un libro, 15 minuti a disposizione. Un sorteggio decide l’ordine degli interventi. Il tema che accomuna le pubblicazioni è quello della montagna: itinerari, storia, narrativa, sport e anche spiritualità.

Sei gli autori in campo: Mauro Carena, Lodovico Marchisio, Serena Maccari, Mauro Carlesso, Gian Vittorio Avondo e Patrizio Righero. Collante artistico dell’evento il duo Angelica Pons e Pino Mongiello. In esposizione e in vendita non solo i libri presentati ma una ricca selezioni di testi delle editrici Vita e Marcovalerio. Un’occasione per trascorre un pomeriggio all’insegna della natura (il museo è immerso nel verde del parco di Villa Prever) e della cultura.

L’appuntamento, promosso da Vita Diocesana, in collaborazione con il Museo Strani, l’Associazione naturalistica pinerolese e il GISM, è in programma per domenica 24 aprile, alle ore 16. Ingresso libero.

 

Carena-Marchisio

Mauro Carena, classe, 1962 svolge la professione di avvocato. È giornalista pubblicista, direttore della rivista “Panorami” e autori di diversi libri sul tema della montagna e della sua gente. È socio accademico del GISM. Ha ricoperto la carica di direttore del Parco Naturale Orsiera Rocciavrè (1986-87). È stato anche presidente della Commissione legale del Club Alpino Italiano. Attualmente ricopre la carica di sindaco di Villar Dora ed è membro effettivo quale organo della Città Metropolitana. Accanto a lui, per presentare il libro “Sentieri e ferrate in Val Susa” il vulcanico Lodovico Marchisio, scrittore e alpinista che ha al suo attivo 24 libri pubblicati di cui 18 guide, 2 romanzi, 3 testi autobiografici e 1 volume di poesie. È Accompagnatore d’escursionismo titolato dal CAI e guida CAI “EEA” (Escursionisti Esperti Attrezzati). È scopritore in Val Susa di un Sentiero Balcone (Sentiero degli Orridi), riapritore con il CAI Pianezza di un sentiero franato sopra le Cascate di Novalesa e promotore del costituendo Parco della Dora. Giornalista e Pubblicista, è collaboratore di vari giornali e riviste quali: La Valsusa, Vita Diocesana Pinerolese, Rivista del CAI, Lo Scarpone, Panorami, ed altre testate.

Mauro Carlesso

Mauro Carlesso, insieme alla moglie risiede in un piccolissimo borgo sulle colline piemontesi del lago Maggiore. Grande camminatore, ha percorso in lungo e in largo le valli e le montagne della zona prediligendo le cime e i luoghi meno frequentati. Vegano convinto è socio ordinario GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna) dal 2004. Presenta la raccolta di racconti “minimal”.

Gian Vittorio Avondo

Insegnante presso il Liceo Scientifico Tecnologico “Ignazio Porro” di Pinerolo, laureato in Storia Contemporanea, ha al suo attivo svariati articoli, apparsi su riviste a diffusione locale e nazionale e numerose pubblicazioni di carattere storico, etnografico e turistico/escursionistico. Alla libreria vivente presenta “Piemonte montanaro”.

Serena Maccari

Laureata in Scienze Naturali, svolge attività come guida ambientale escursionistica. È operatrice naturalistica nazionale del CAI e componente del comitato scientifico ligure-piemontese. Fondatrice dell’Associazione Naturalistica Diomedea, di cui è presidente, organizza eventi e incontri culturali legati alla montagna. “Andar per sentieri in val Chisone” è la pubblicazione che presenterà all’evento.

Patrizio Righero

Direttore di Vita Diocesana Pinerolese e dell’editrice Vita, Patrizio Righero è un appassionato percorritore di sentieri e salitore di vie ferrate. Autore di numerosi libri di preghiere e narrativa, riproporrà un testo edito da Effata: “Signore, mia roccia. Itinerari spirituali per chi ama la montagna”.

 

K.G.

Libreria vivente