Pinerolo celebra la Festa della Liberazione con una serie di appuntamenti e iniziative per riflettere sul contributo di questa ricorrenza e ribadire che la Liberazione è il momento fondativo della nostra democrazia.

 

 

Il Comune di Pinerolo celebra il 25 aprile, festa della Liberazione, con una serie di appuntamenti per ricordare l’importanza di questa data che “impegna la politica a lavorare per migliorare la vita della cittadinanza, per confermarla come una comunità di pace e di libertà concreta”.

 

Il programma

Ecco il programma delle iniziative:

 

  • giovedì 14 aprile, ore 21 al Teatro Incontro (Via Caprilli 31, Pinerolo) la rappresentazione teatrale “Migranti – Quando le persone devono scappare dalla fame, dalla guerra, dalla dittatura” del Gruppo Teatro Angrogna;
  • sabato 23 aprile, ore 21 in Piazza Facta Fiaccolata per le vie cittadine a cura dell’ANPI;
  • lunedì 25 aprile, ore 09:30 al Cimitero Urbano – Sacrario dei Caduti per la Resistenza: Funzione Religiosa ed omaggio alle tombe (un autobus sarà a disposizione dei partecipanti alla funzione religiosa presso il Cimitero Urbano con partenza dal Municipio alle ore 9 e ritorno al Palazzo Comunale dopo la S. Messa);
  • lunedì 25 aprile alle ore 10:45: Corteo dal Municipio – Deposizione corone alla lapide “Ferruccio Parri”, al Monumento ai Caduti, al Monumento ex Internati ed alla Stele ai Caduti per la Libertà. Presterà servizio la Banda ANA di Pinerolo.

Info

Per informazioni consultare Cmune di Pinerolo – Segreteria del Sindaco:

  • 0121-361210
  • sindaco@comune.pinerolo.to.it

 

Il messaggio del sindaco e dell’assessore alla cultura

“Il 25 aprile del 1945 – scrivono l’assessore alla cultura Franco Milanesi e il sindaco Luca Salvai – segna la de­finitiva liberazione del territorio nazionale dal nazifascismo, un dominio arbitrario e violento che aveva seminato morte e distruzione in Europa e nel mondo. A partire da quel giorno inizia quel cammino democratico che ha nella Carta Costituzionale della Repubblica il suo più solido fondamento. Le donne e gli uomini che lottarono e perirono nella Resistenza ci insegnano che il percorso da loro avviato non si è ancora concluso e che nessun approdo, sul cammino della liberazione da tutte le pratiche che negano i valori della tolleranza, della libertà, del reciproco riconoscimento, è certo e de­finitivo. Per l’amministrazione di Pinerolo il 25 aprile rappresenta dunque una commemorazione di particolare importanza poiché impegna la politica, giorno per giorno, a lavorare per migliorare la vita della cittadinanza, per confermarla come una comunità di pace e di libertà concreta”.