Mercoledì 4 settembre, con l’inaugurazione programmata alle 10 in Via Vescovado 20, giunge finalmente a conclusione il progetto del Social Housing “Casa Annalisa”.

L’ingresso di “Casa Annalisa”

La cooperazione tra il comune di Pinerolo, la Regione Piemonte (che hanno finanziatori i lavori con un importo di oltre 1.300.000 €) e la Società Operaia di Mutuo Soccorso (proprietaria dell’immobile, concesso in comodato trentennale al comune) ha portato alla realizzazione di 11 alloggi «destinati ad accogliere, con permanenza temporanea, persone momentaneamente in stato di disagio abitativo: donne sole, donne con bambini, anziani» – come spiegava al momento della posa della prima pietra (il 16 gennaio 2015), Ermanno Sacchetto, presidente della Società Operaia -.

Via Vescovado, di fronte a “Casa Annalisa”

Visti i lunghi tempi dei lavori, è comprensibile la voglia di festeggiare – saranno presenti il sindaco Luca Salvai e l’assessore alle Politiche Sociali Lara Pezzano – la nascita di questa struttura, che sarà intitolata ad Annalisa Cortassa, impiegata comunale, mancata lo scorso anno, che assisteva proprio chi aveva bisogno di una casa.