Sabato 14 settembre a Pinerolo nel cortile del vescovado (via del Pino, 57) alle ore 17 è in programma l’inaugurazione di una biblioteca con i libri modificati con la CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa).

Da dove è nata l’idea? La sezione pinerolese dell’AIMC aveva aderito, in sinergia con la Fondazione Paideia di Torino, al progetto “Libri per Tutti”. Si tratta di un progetto editoriale a sostegno di una cultura dell’inclusione, perché leggere è un bene di tutti. I testi di questi libri sono scritti nei simboli della CAA per favorire una lettura accessibile a tutti i bambini. La Comunicazione Aumentativa Alternativa comprende tutte le modalità di comunicazione che possono aiutare le persone che hanno difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi. Non si identifica con “un” metodo, ma si tratta di un insieme di tecniche, strategie e tecnologie rivolte alla persona con bisogni comunicativi complessi, ai suoi interlocutori e al suo ambiente di vita. Nei testi vengono utilizzati simboli WLS (Widgit Literacy Symbols): questi simboli consistono in immagini grafiche che rappresentano parole, frasi e concetti per rinforzare l’espressione e la comprensione di una vasta gamma di argomenti. I WLS sono disegni semplici, chiari, facilmente riconoscibili, adatti ad ogni età, perfetti per essere usati nella CAA ed estremamente utili in una grande varietà di situazioni comunicative, ludiche e didattiche. Sono stati stampati 42 libri. Sono dei libri speciali,costruiti attraverso un adattamento fedele del testo originale; sono degli strumenti efficaci per favorire l’accesso alla lettura per un bambino con bisogni comunicativi complessi, con disabilità cognitiva, con difficoltà motorie, linguistiche e comunicative,  tra cui soggetti con disturbi dello spettro autistico, con sindrome di Down, di Angelman ed altre sindromi genetiche; sono adatti all’inclusione e di supporto allo sviluppo di tutti i bambini. Sono libri per coloro che utilizzano la CAA ed in generale per chi ha fragilità di comunicazione, anche temporanea, da 0 a 99 anni. Sono libri utili per persone straniere al loro primo approccio con la lingua locale. Protagonista della lettura è il contesto di vita del bambino: la famiglia, la scuola, gli operatori socio sanitari. L’adulto condivide con il bambino l’esperienza della lettura: indica simbolo dopo simbolo dando simultaneamente voce al testo.

La biblioteca sarà aperta il mercoledì dalle ore 17 alle 19 ed il sabato dalle 15 alle 17. Oltre ai 42 libri di cui sopra saranno a disposizione diversi silent book,opere di sole illustrazioni, mute, senza testo, in cui l’immagine assume da sola il valore di narrazione: la storia si affida alla nostra capacità di raccontarla. Queste opere, realizzate da valenti illustratrici ed illustratori, si prestano alla condivisione della storia tra adulto e bambino, che la costruiranno pagina per pagina,lasciando spazio alla propria fantasia.

 

Simona Tomei

L’inaugurazione

 

L’evento del 14 settembre è promosso dalla sezione pinerolese AIMC (Associazione Italiana Maestri Cattolici), dalla Fondazione Paideia e da “Vita Junior”. All’inaugurazione intervengono: don Giorgio Grietti (cancelliere diocesano e assistente spirituale AIMC), Cristina Menghini (giornalista e responsabile inserto “Vita Junior”) e Patrizio Righero (direttore di “Vita”). Sono previsti: lettura di racconti con la dottoressa Anna Peiretti (responsabile del progetto “Libri per Tutti”), merenda e visita alla biblioteca.