Il Teen Lab inaugurato a Pinerolo il 30 giugno mira a ridurre la dispersione scolastica e a formare i giovani per favorirne l’inserimento lavorativo.

 

Al centro i due sindaci Thierry Repentin e Luca Salvai

 

Inaugurato il 30 giugno a Pinerolo – nei locali dello Stadio Olimpico del Ghiaccio – il Teen Lab, luogo di incontro inclusivo sul modello FabLab che Pinerolo ha realizzato totalmente grazie a 444.954 euro di fondi europei e statali (FESR – Fondo Europeo Sviluppo Regionale – e CPN – Contropartite Pubbliche Nazionali). Un laboratorio di fabbricazione digitale che mira a formare i giovani, ridurre la dispersione scolastica e favorire l’inserimento occupazionale. Alla cerimonia erano presenti trenta giovani che stanno facendo la formazione e, oltre al sindaco di Pinerolo, Luca Salvai, anche il sindaco di Chambery, città partner del progetto, Thierry Repentin.

 

Formare lavoratori per le aziende

Lo spazio conterrà

  • macchine a controllo numerico
  • stampanti 3D
  • tagli laser
  • plotter da taglio
  • fresatrice a controllo numerico

Grazie alla formazione di una figura specializzata, il Fab Manager, i giovani avranno l’occasione di acquisire le competenze richieste dalle imprese del territorio e necessarie per entrare e rimanere nel mercato del lavoro locale.

 

Pinerolo, il C.I.S.S. e Chambery

Il progetto nasce dal partenariato transfrontaliero dei Comuni di Pinerolo e di Chambery, con la collaborazione del C.I.S.S. – Consorzio Intercomunale Servizi Sociali, in qualità di soggetto attuatore, nel quadro del programma Interreg ALCOTRA.

 

Che cosa fa il Teen Lab

Il progetto Teen Lab si concentra sulle seguenti attività:

  • organizzazione e gestione di percorsi di formazione destinati ai NEET, giovani che non studiano né lavorano, articolati in laboratori e periodi di tirocinio, per il re-inserimento dei giovani nel sistema scolastico-formativo dal quale si erano allontanati o il loro inserimento nel mercato del lavoro
  • sviluppo di iniziative di formazione congiunta dei soggetti professionali che operano nelle rete territoriale che si occupa di formazione e di politiche del lavoro, con particolare riguardo al personale educativo che sarà impegnato nei TEEN LAB, anche attraverso scambi di esperienze e trasferimento di know how
  • allestimento di uno spazio TEEN LAB inclusivo, spazio fisico nel quale saranno svolte le attività laboratoriali, ma nel quale, soprattutto, sarà offerto ai ragazzi un luogo neutro nel quale incontrarsi, confrontarsi con le loro esperienze, avvicinarsi all’utilizzo di strumenti e materiali che favoriscano un ripensamento delle loro capacità e l’acquisizione di nuove competenze.

 

I collaboratori

Per la realizzazione delle attività progettuali la città di Pinerolo e il Consorzio Intercomunale Servizi Sociali (C.I.S.S.) si avvalgono della collaborazione di alcuni soggetti pubblici e privati:

  • la Re.Te. Pin del pinerolese e in particolare le scuole secondarie di secondo grado e le Agenzie Formative del territorio con le quali è stato sottoscritto un Protocollo di Intesa
  • il Centro per l’Impiego di Pinerolo
  • l’ENGIM Piemonte sede di Pinerolo, per l’attività formativa/laboratoriale
  • C.F.I.Q., per l’attività formativa/laboratoriale
  • CIOFS-FP Piemonte,  per l’attività formativa/laboratoriale
  • la Carabattola s.c.s. società cooperativa sociale, per l’attività educativa
  • LIBRO APERTO S.n.c. di Caizzo Emilia e Caizzo Marilena per la formazione e la supervisione
  • LAB.IN.S Società Cooperativa Impresa Sociale per il monitoraggio e la valutazione
  • FABMANAGER Impresa Individuale Marco Cassino
  • BLANK SPACES srl – Web Agency – Software House per l’attività di comunicazione
  • CHINTANA srl., per la gestione amministrativa

 

Foto Lino Gandolfo