Skip to Main Content

Città  

[ photogallery ]. Il concerto "Un anno di guerra, una vita di pace" a Pinerolo

[ photogallery ]. Il concerto

Diversi cantanti, i protagonisti del cortometraggio l’attesa e il vescovo Derio hanno animato la serata per la pace ospitata alla Sala Bonhoeffer di Pinerolo il 25 febbraio 2023.

La sera del 25 febbraio 2023 la Sala “D. Bonhoeffer” del Seminario è stata teatro di una serata musicale e di riflessione con

  • Mega Sihombing e Mauro Goia (MegaMauro ) con alcuni brani internazionali d’ispirazione sociale
  • Angelica Pons e Marco Barale (voce e pianoforte)
  • la giovane cantante e violinista pinerolese Anna Chiara Cappelletti
  • il coro Vita che Canta

 

Proiezione del corto “L’attesa”

La serata ha ospitato anche la proiezione del cortometraggio “L’attesa”, del giovane regista Federico Depetris.

 

Continuiamo a provare a costruire un noi aperto alla fraternità universale

Il vescovo Derio Olivero è intervenuto proponendo alcune riflessioni. «Non dobbiamo abituarci alla guerra. Momenti come questo servono per dire “noi, no! Noi queste cose non le vogliamo!” Ma certo non basta solo dire noi non le vogliamo. Il papa ha detto: “Per costruire la pace bisogna costruire un noi aperto alla fraternità universale”. Costruire un noi è difficilissimo, lo sanno bene le coppie quanto è difficile, lo sanno le famiglie […] è difficilissimo costruire un noi nelle parrocchie… tra cristiani… e poi tra cattolici e valdesi, tra cristiani e musulmani, tra destra e sinistra. Costruire un noi sarebbe a dire “un mondo in pace”. E dunque che cosa facciamo noi per “costruire un noi” a Pinerolo: quante disgregazioni, quante lotte intestine ci sono… è dunque bello essere qui questa sera; per non essere ingenui, noi vogliamo provare ad essere operatori, costruttori di pace nella nostra realtà. Ci vogliamo impegnare per costruire la pace là dove sei un noi “aperto alla fraternità universale” che aggiunge un po’ difficoltà alla difficoltà solita: tutto il mondo è casa nostra e noi dobbiamo prendercelo a cuore. C’è una bella notizia per chi è credente. Che il buon Dio non ha ancora smesso di costruire relazioni che funzionano su questa terra; in nome di questa bella notizia noi continuiamo a provarci e ringraziamo coloro che ci aiutano a farlo con la musica e col canto».

 

Foto Lino Gandolfo

LASCIA UN COMMENTO  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *