Lo scorso 25 novembre il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Pietro Serino, ha visitato il Comando della Brigata Alpina “Taurinense” ed il 3° Reggimento Alpini di Pinerolo.

Lo scorso 25 novembre il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino, ha visitato il Comando della Brigata Alpina “Taurinense” ed il 3° Reggimento Alpini di Pinerolo, Unità delle Truppe Alpine di stanza in Piemonte.

La Caserma “Monte Grappa”

Nella prima parte della visita, il Generale Serino si è recato presso la Caserma “Monte Grappa” di Torino, sede del Comando Brigata e del Reparto Comando e Supporti Tattici, dove è stato accolto dal Comandante della “Taurinense”, Generale di Brigata Nicola Piasente, accompagnato dal Comandante delle Truppe Alpine, Generale di Corpo d’Armata Ignazio Gamba.
Dopo aver assistito a un briefing informativo circa le capacità addestrative, logistiche ed operative della Brigata, il Capo di SME ha voluto «ringraziare il personale presente per quello che ha fatto e che fa quotidianamente, mantenendo viva la cultura militare nella città che è la “patria” dell’Esercito Italiano».

Visita al 3° Alpini

Il Generale Serino si è quindi recato a Pinerolo, sede del 3° Reggimento Alpini, dove il Colonnello Francesco Cameli ha ricevuto l’Alto Ufficiale per poi accompagnarlo al Comprensorio Addestrativo di Baudenasca, una delle più grandi e complete aree addestrative a disposizione della “Taurinense”.
Una complessa dimostrazione tattica condotta dagli alpini del Terzo, ha consentito al Capo di SME di verificare l’alto livello di addestramento degli uomini e dalle donne del Reggimento, ai quali si è rivolto al termine della dimostrazione ricordando come la perfetta preparazione alle operazioni militari – a livello tattico come a livello logistico – sia fondamentale per adempiere a compiti specifici in circostanze di straordinaria urgenza a supporto della comunità nazionale.

 

Le parole del Generale Serino

«Il valore dell’addestramento militare, l’autonomia logistica e l’attaccamento al territorio, sono le caratteristiche peculiari che rivedo nelle truppe alpine dell’Esercito» – ha sottolineato il Generale Serino, concludendo “Siate orgogliosi di essere alpini, delle vostre caratteristiche e delle vostre tradizioni”.