A Pinerolo, nella notte fra il 25 e il 26 dicembre, è avvenuto un importante prelievo di organi a scopo di trapianto, di cui hanno beneficiato 7 pazienti in Piemonte e non solo.

 

Il gesto di solidarietà – voluto dalla famiglia e da una giovane donna morta improvvisamente il giorno di Natale – ha permesso a Pinerolo, nella notte fra il 25 e il 26 dicembre scorsi, un importante prelievo di organi a scopo di trapianto. Grazie alla scelta di donare gli organi, sono stati salvati 7 pazienti in attesa di trapianto, in Piemonte e non solo.

 

Un intervento del personale della Sala operatoria

L’intervento è stato eseguito dal personale della Sala operatoria e della Rianimazione di Pinerolo in collaborazione con il CRP, Coordinamento regionale delle donazioni e dei prelievi, insieme ad alcune equipe di professionisti provenienti da altre strutture ospedaliere, come prevedono i protocolli per i prelievi multiorgano a scopo di trapianto, in questo caso applicati per polmoni, reni, cuore, cute e cornee. Un intervento articolato, effettuato con competenza multidisciplinare e in totale sicurezza, secondo il piano di gestione dei percorsi Covid free interni all’ospedale.

 

Il commento di Franca Dall’Occo

«Desidero ringraziare sentitamente per questo grande gesto di solidarietà, che assume un particolare significato in questi giorni di fine anno – sottolinea Franca Dall’Occo, Direttore Generale AslTo3. Un ringraziamento va anche a tutti coloro che con grande professionalità, a cominciare dagli operatori del nostro ospedale di Pinerolo, hanno reso possibile la donazione mettendo in moto e gestendo una complessa macchina organizzativa, nonostante la pressione che la nuova ondata pandemica sta provocando sulle nostre strutture sanitarie».