Luca Barbero, Silvia Lorenzino, Magda Zanoni e, da ex alleato, Luigi Pinchiaroglio commentano l’elezione di Elly Schlein come nuova segretaria nazionale del PD.

Elly Schlein

Alla fine, il ballottaggio, tenutosi il 26 febbraio tra Stefano Bonaccini ed Elly Schlein, ha portato alla nomina della Schlein come nuova segretaria del Pd col 53,8% dei voti contro il 46,3% per lo sfidante, che solo due settimane fa era favorito.

470 voti per Schlein

A Pinerolo sono stati 665 i votanti e 470 hanno votato la Schlein, 193 hanno preferito Bonaccini (2 le schede bianche). A differenza di quanto accaduto a livello nazionale i votanti hanno confermato la linea espressa nel primo turno delle primarie, quando i circoli pinerolesi, anche se non tutti i tesserati erano andati alle urne, a gran voce avevano votato per la Schlein.

L’analisi di Luca Barbero

A commentare l’esito del voto Luca Barbero, capo-gruppo democratico nel consiglio comunale di Pinerolo, ex segretario del circolo cittadino (ndr. carica ora ricoperta dall’avvocata Silvia Lorenzino), nonché candidato a sindaco per il centro sinistra nel 2016. «L’elezione di Elly Schlein a segretario nazionale del PD – spiega – è in parte inaspettata, ma allo stesso tempo inequivocabile nel risultato e nei numeri».

Successivamente Barbero si concentra sui risultati pinerolesi: «La partecipazione, alla luce dell’attuale situazione politica nazionale, è stata ampia e nel seggio di Pinerolo hanno votato 665 persone e questo è un dato molto positivo. La capacità e anche la bravura di Elly Schlein di rappresentare il futuro come speranza e novità, in tutte le sue declinazioni come l’avere

  • una nuova classe dirigente

  • una nuova agenda politica

  • un nuovo linguaggio

  • nuovi modelli di partecipazione

  • e anche una segretaria donna

hanno acceso l’entusiasmo e raccolto consenso. Ora inizia sicuramente una fase nuova per il Partito Democratico, ma anche per tutta la politica italiana». Infine, Barbero, rivelando di aver votato per Stefano Bonaccini, conclude: «Personalmente guardo al futuro con curiosità, ma anche con speranza e fiducia!»

Silvia Lorenzino: Ora il cambiamento parte da noi

Silvia Lorenzino, segretaria del circolo “Alberto Barbero” di Pinerolo e sostenitrice di molte battaglie per le donne, anche professionalmente come avvocato, su Facebook ha commentato: «Finalmente una donna femminista e ambientalista è la nuova segretaria del Partito Democratico. Con una proposta chiara sul tema dei diritti e della dignità della persona! Con una grande partecipazione di chi ha scelto di votare alle primarie perché voleva far parte di un cambiamento. Ora il cambiamento parte da noi!»

Magda Zanoni: lavorare per un mondo migliore

Nel profilo Facebook dell’ex senatrice nella XVII legislatura, Magda Zanoni, è possibile leggere: «Forza Elly, hai detto giusto “È il nostro tempo”. Ora tutti insieme a lavorare perché si possa non solo sognare un mondo da fiaba ma contribuire a un mondo migliore. Lo spero per mio figlio, per tutti i giovani e le generazioni future».

Il rammarico di Pinchiaroglio

Le reazioni al voto sono arrivate anche da esponenti del Terzo Polo Pinerolese. Il segretario di Azione Pinerolese, Luigi Pinchiaroglio, sempre affidandosi a Facebook, molto duramente, ha commentato: «Che dire? Da ex Dem della prima ora, delle Primarie del 2007, quelle con le quali si sperava di aver costituito un partito riformista moderno, non posso che augurare un grande in bocca al lupo al PD. Le nostre strade si erano già separate nell’autunno del 2019, il giorno stesso della fiducia al Governo Conte 2 che sancì l’accordo PD/5S. Ora non possono che divergere. Ciò che temevo si verificasse, la nascita del “PD5S”, è ormai cosa fatta. Tuttavia ciò che più mi rammarica nell’apprendere questo risultato, tanto legittimo quanto preannunciato dall’allargamento del voto ai non iscritti, è che con questa scelta Giorgia Meloni ha trovato l’avversaria perfetta che le può garantire almeno dieci anni di Governo».

Lorenzo Battiglia