Molti pinerolesi sembrano aver recepito l’invito a stare in casa espresso a più riprese dagli esperti e rinforzato dal DPCM del 10 marzo.

Per le strade e nei parcheggi poche auto, sotto i portici pochi passanti, mentre i Carabinieri controllano a campione chi esce dalla città. Diversi negozi e bar hanno scelto di chiudere per un paio di settimane non potendo garantire al loro interno il rispetto delle distanze raccomandate – almeno un metro – tra persona e persona. Anche alcuni dentisti hanno operato analoga scelta.

Foto di Lino Gandolfo