LE RAGAZZE DI WALL STREET

 

(Cinema ITALIA, Via Montegrappa 6, sab. 21.45; dom. 18.00, 21.00)

 

Un film pieno di donne, capeggiate da Jennifer Lopez. La preview la trovate qui

 

PUPAZZI ALLA RISCOSSA

 

(Cinema ITALIA, Via Montegrappa 6, sab. 20.00; dom. 16.00)

 

Film d’animazione diretto da Kelly Asbury, già nota per Shrek 2, vede la partecipazione straordinaria alla sceneggiatura di Robert Rodriguez, autore di film per un pubblico più maturo come Desperado e Sin City ma anche prodotti per ragazzi come la saga Spy Kids.

Moxy e i suoi amici pupazzi vogliono affrontare una grande sfida, trovare un bimbo a cui donare il loro amore. Ma farlo non sarà per nulla semplice, tutti loro presentano dei difetti e non sono dei pupazzi perfetti, per questo motivo si troveranno ad affrontare Lou, il pupazzo a capo dell’Accademia della Perfezione, che farà di tutto per contrastarli.

Già uscito in U.S.A. dove ha visto uno scarso risultato al botteghino dovuto alla concomitanza con Avengers Endgames, finalmente esce in Europa, terra più avvezza ad apprezzare opere che cercano di parlare di tematiche profonde, la depressione e l’isolamento, come questo film d’animazione prova a fare.

 

IL GIORNO PIÙ BELLO DEL MONDO

 (Cinema ITALIA, Via Montegrappa 6, sab. 20.00; dom. 16.00)

 Il nuovo film di Alessandro Siani è un inno alla vita e all’ottimismo, con un pizzico di magia. La preview la trovate  qui

 

ZOMBIELAND – DOPPIO COLPO

 

(Cinema ITALIA, Via Montegrappa 6, sab. 22.00; dom. 18.30, 21.00)

Nel 2009, seguendo il filone zombie movie riscoperto da “The Walking Dead”, uscì un film che negli anni avrebbe assunto lo status di cult: “Benvenuti a Zombieland”. Per anni si è parlato di un possibile seguito, ma gli impegni del regista e del cast, che nel frattempo ha visto 2 dei 4 membri vincere un oscar, sembravano rendere impossibile questa opzione.

Anche nel film sono passati 10 anni dalle prime avventure, ma nel gruppo ritroviamo ancora loro: Tallahassee, un istrionico Woody Harrelson (Hunger Games, Natural Born Killers), Columbus, il solito nevrotico Jesse Eisenberg (The Social Network), e le sorelle Wichita e Little Rock, rispettivamente Emma Stone (LaLaland) e Abigail Breslin (Ender’s Game). In questa nuova avventura nel mondo post apocalittico i quattro dovranno affrontare nuove specie di zombie ma anche esseri umani sopravvissuti, cercando di mantenere insieme la loro sgangherata famiglia.

Il primo film in Italia ebbe la cattiva sorte di uscire solamente homevideo, come accadde anche a “L’alba dei morti dementi” brillante commedia di Edgar Wright sugli zombie. Riscoperto solo negli ultimi anni grazie alla presenza fissa su siti di streaming come Netflix, non è facile capire se il pubblico premierà un’opera irriverente come Zombieland dopo tutto questo tempo.

 

 

SONO SOLO FANTASMI

 

(Cinema RITZ, Via Luciano 9, Abbadia A., sab. 22.15; dom. 18.15, 20.30)

Commedia italiana che richiama in maniera piuttosto esplicita le horror comedy americane come Ghostbuster, il film è diretto da Christian De Sica ma vede la compartecipazione di suo figlio Brando De Sica per quanto riguarda gli aspetti tecnici.

Thomas, Carlo e Ugo sono tre fratellastri squattrinati. Alla morte del padre Vittorio, i tre si recano a Napoli, loro terra natia, sperando di incassare una cospicua eredità. La triste scoperta che questa consista in una sontuosa villa ipotecata, obbliga i tre ad escogitare qualcosa per riscattarla. Ecco allora che i tre decidono di trasformarsi in “acchiappafantasmi”, cercando di tirare su qualche soldo con la nota superstizione partenopea.

Frequenti i rimandi al cinema di De Sica padre, Vittorio, nonostante il confronto tra questi rimanga ingeneroso. Un film per grandi appassionati di Christian De Sica, che alla seconda regia consecutiva dopo “Amici come prima”, conferma di voler intraprendere una nuova strada con commedie leggermente più sofisticate dei soliti cine panettoni a cui ci ha abituato negli anni.

 

AILO – UN’ AVVENTURA TRA I GHIACCI

 

(Cinema RITZ, Via Luciano 9, Abbadia A., sab. 20.00; dom. 16.00)

 Documentario franco-finlandese sulla scia de “La marcia dei pinguini” (2005), stranamente arrivato nelle sale italiane, insolito per questo tipo di produzioni.

Il documentario segue la vita di una piccola alce, Ailo. Un’ alce ci mette cinque minuti per alzarsi sulle zampe, cinque minuti per cominciare a camminare e altri cinque per imparare a nuotare. Ma una volta imparato tutto questo, non sempre la vita è semplice in un ambiente freddo e ostico come le montagne innevate.

Menzione d’onore alla voce fuori campo che ci accompagna per tutta la durata del documentario, doppiata da Fabio Volo. Adatto agli amanti degli animali ma anche a chi vuole conoscere qualcosa in più di questi animali, le alci, di cui la maggior parte di noi ignora la vita in natura.

 

  

LE MANS ’66 – LA GRANDE SFIDA

 (Cinema HOLLYWOOD, Via Nazionale 73, Abbadia A., sab. 21.00; dom. 17.00, 20.15)

 

Le Mans ’66, titolo italiano per Ford Vs Ferrari, è un film diretto da James Mangold (Logan). Tratto dalla sfida perpetuata dalla Ford verso la Ferrari sul campo delle corse automobilistiche, dopo il rifiuto di acquisizione avanzato dalla compagnia americana verso la scuderia di Maranello.

La storia segue il designer di automobili Carol Shelby (Matt Damon) e il pilota Ken Miles (Christian Bale) che insieme cercheranno di battersi contro l’interferenza delle corporation, le leggi della fisica e i demoni personali per costruire un’auto da corsa capace di battere le invincibili Ferrari che vinserò la 24 ore di Le Mans nel 1966.

Film affascinante che racconta una delle più iconiche gare automobilistiche di sempre, i fan Ferrari rimarranno delusi dalla ridotta presenza del patron e della sua scuderia, ridotti al ruolo di comparse. Non saranno delusi invece coloro che cercano un ottimo film che attraverso questa intramontabile sfida parla di uomini e della loro pulsione a superare ogni limite, arrivando a rinunciare a tutto il resto.

 

 

Se siete interessati o volete anche solo rileggere gli appuntamenti precedenti con la rubrica WEEKEND al CINEMA li potete trovare qui

 Federico Depetris