Parrocchia San Leonardo Murialdo. Nuovo parroco per la comunità Sabato 17 settembre don Vittorio Boglione in una solenne funzione, ha lasciato la Parrocchia del Murialdo per altro incarico presso il Santuario della Beata Vergine Maria di San Giovanni a Sommariva del Bosco. Così hanno disposto i suoi superiori.
È stata una funzione solennizzata dalla presenza del vescovo e nella quale “Donvitt” ha ricevuto l’abbraccio fraterno dei parrocchiani che hanno voluto dimostrargli, con la loro presenza, l’affetto e l’apprezzamento per l’insegnamento, che in ben dieci anni di servizio nella comunità, il sacerdote ha dispensato a tutti.
Don Vittorio non ha potuto offrire tutto quello che lui voleva e che il suo cuore gli suggeriva; purtroppo le sue condizioni di salute, non sempre ottimale in questi anni, hanno limitato alquanto la sua volontà nei confronti dei suoi parrocchiani. Ed è proprio per questo motivo che tutti quelli che l’hanno conosciuto a fondo, hanno dato a lui il loro pieno sostegno, cercando di farlo sentire a suo agio tra fedeli che sempre hanno atteso e ricevuto da lui l’indicazione della via da percorrere. Egli è stato, soprattutto, un gran maestro e trascinatore tra i ragazzi e i giovani in età catechistica inculcando loro uno spirito veramente cristiano, pur tra le mille difficoltà che si incontrano nella vita educativa di oggi.
L’omelia del Vescovo in questa circostanza, tra le altre cose, ha ben illustrato l’opera del sacerdote nella comunità ed il ricordo che il parroco ci lascia. Egli ci ha esortato, secondo le parole delle sacre scritture, ad essere comunità viva ed operante: “…dobbiamo rimboccarci le maniche e fare la nostra parte…”
La funzione di saluto al parroco, è stata ancor più solennizzata dal battesimo della piccola Sofia Grangetto che ha ricevuto dalle mani del vescovo il sacramento che la introduce nella comunità ecclesiale, mentre i nonni della bimba ricordavano il 40° del loro matrimonio.
Sulla porta della Chiesa una mano anonima ha lasciato una commovente lettera di saluto per il Parroco dalla quale stralciamo: “Il dono più grande che ci hai lasciato è la tua fede. Quando tu parlavi e celebravi non era difficile capire che non recitavi ma estraevi dal cuore i tuoi pensieri… Sappiamo tutti che hai seminato a mani tese nel terreno dei giovani pur sapendo che una parte di questi semi non cadeva nella terra fertile, ma non ti sei mai perso di coraggio.
Grazie Don Vittorio!”

La settimana successiva monsignor Pier Giorgio Debernardi è tornato nella Parrocchia per presentare don Franco Pairona. A lui, su proposta dei Superiori della Congregazione, ha affidato l’incarico di parroco della comunità del Murialdo.
All’inizio della solenne cerimonia, il cancelliere diocesano, canonico Giorgio Grietti, ha letto l’atto di insediamento del nuovo parroco che a sua volta ha rinnovato nelle mani del vescovo le promesse sacerdotali e gli impegni che assume di fronte a Dio ed a tutta la comunità con questo incarico pastorale.
Il vescovo ha quindi invocato la benevolenza del Padre sul nuovo parroco che, a sua volta, ha benedetto i fedeli, incensato l’altare e consegnato ad un lettore il lezionario della parola affinché sia divulgata sempre ai fedeli in tutte le messe.
Il Vescovo, nell’omelia ha citato San Gregorio Magno: «…coloro che sono chiamati ad essere pastori della chiesa siano davvero pieni dello spirito di Dio…», parole scritte su misura per il neo parroco.
Don Franco ha quindi rinnovato le promesse sacerdotali nelle mani di monsignor Debernardi.
Nello spirito di questa particolare celebrazione sono stati evidenziati quelli che sono i compiti del pastore che dovrà guidare i fedeli e quelli della collaborazione che tutti dovremo dare con spirito cristiano.
Dopo il benvenuto espresso da un parrocchiano a nome dei presenti, il neo-parroco ha, con poche parole di ringraziamento, concluso, in termini quasi scherzosi «…mi pare di aver capito che il Vangelo di domenica scorsa come quello di oggi dice di lavorare nella vigna e quindi alla fine non ho scampo e mi toccherà, non so fino a quando, lavorare in questa che è la parrocchia del Murialdo. Mi piace, però, sottolineare una cosa: la parrocchia non è del parroco ma di tutti i parrocchiani, di tutti quelli che si sentono parrocchiani di questa comunità. Quindi non solo io sono chiamato a lavorare in questa vigna, ma siamo tutti chiamati a lavorare e quindi ringrazio fin da ora quelli che hanno lavorato nel passato. Da oggi tocca a noi lavorare…”
La presenza alla funzione di numerosissimi parrocchiani ha proprio voluto essere espressione di filiale accettazione delle disposizioni dei superiori Giuseppini, del vescovo, e di benvenuto al neo parroco che, peraltro, tutti già conoscevamo visto che, da due anni, don Franco è direttore dell’Opera Murialdo di Pinerolo e continuerà, anche come parroco, ad espletare questa mansione.
A solennizzare l’evento, la cantoria del Murialdo che, con appropriati interventi musicali, ha reso veramente ricca di significati questa celebrazione.
Per cementare ulteriormente il legame tra parroco e fedeli, al termine della funzione gran parte dei presenti si è incontrata in una festosa cena conviviale, presente anche il Vescovo.

Elio VALLINA

Don Franco Pairona è il nuovo parroco del Murialdo