L’alluvione che ha colpito il Piemonte il 2 e il 3 ottobre non ha risparmiato la sede della Pubblica Assistenza Anpas Croce Bianca di Ceva che ha visto completamente allagato il suo magazzino con la conseguente perdita di materiali e attrezzature, nonché dei dispositivi di protezione individuale di importanza vitale per lo svolgimento dei servizi in emergenza Covid-19.

Alla richiesta di aiuto del presidente della Croce Bianca Ceva, Filippo Dapino, hanno con prontezza risposto le consorelle Anpas del Piemonte Croce Bianca di Fossano e l’Associazione Volontari di Protezione Civile Città di Asti rifornendola dei necessari dispositivi di protezione individuale per i servizi nell’immediato sul territorio e aiutando i volontari di Ceva a liberare dal fango i locali della sede.

Una colonna di aiuti per la Croce Bianca Ceva

La solidarietà non si è limitata al Piemonte, poiché all’appello di Dapino e di Anpas Piemonte hanno risposto anche le Pubbliche Assistenze Anpas della vicina Liguria che, grazie una cordata tra Croci Bianche (Savona, Albenga, Albisola, Finale Ligure, Spotorno, Andora, Alassio) e non solo (Croce Rosa Celle Ligure, Croci Verdi di Finalborgo, di Sestri Ponente e Croce d’Oro Albissola Marina), hanno ripristinato la dotazione di dispositivi della Croce Bianca Ceva.
A consegnare i materiali a Croce Bianca Ceva, a nome delle Pubbliche Assistenze della Liguria è stato il presidente onorario di Anpas Comitato Regionale Liguria e presidente della Croce Bianca Albenga, Dino Ardoino. «Auguro alla Croce Bianca Ceva – ha commentato Dino Ardoino – di uscire da questa emergenza più forti e uniti di prima. Questi disastrosi eventi insegnano a tutti noi che il mondo del volontariato è sempre presente, senza distinzione di colore delle divise». Aiuti sono arrivati anche da Croce Bianca Garessio, Volontari Valli Monregalesi, Volontari del Soccorso di Clavesana, Croce Rossa di Peveragno, di Cuneo e di Monesiglio e dal Comune di Calizzano (Sv).

Alcuni degli aiuti ricevuti da Croce Bianca Ceva

Il presidente Croce Bianca Ceva, Filippo Dapino: «La nostra sede ha avuto ingenti danni. Grazie di cuore a tutti coloro che sono intervenuti portandoci il loro aiuto e sostegno morale: le consorelle Anpas di Fossano, Asti, Garessio, Villanova Mondovì, Clavesana, le Pubbliche Assistenze della Liguria con Dino Ardoino, il Comune di Calizzano, il presidente di Anpas Piemonte Andrea Bonizzoli e le Croce Rossa di Peveragno, di Cuneo e di Monesiglio. Ringrazio anche l’onorevole Monica Ciaburro per il suo interessamento. Quanto ci è accaduto, ne sono convinto, ci farà crescere interiormente, rafforzando i motivi per cui abbiamo scelto di essere volontari ovvero, portare aiuto a chi soffre cercando nel limite del possibile un sorriso. Grazie a tutti per il profuso impegno».

Nell’alta val Tanaro a Limone Piemonte (Cn) sono caduti quasi 600 mm di acqua, quasi tutti nella giornata del 2 ottobre; valori estremi sono stati registrati anche nella stazione nel comune di Garessio (Cn) con oltre 400 mm.

L’intervento della Protezione Civile di Asti a Ceva