Condizioni meteo avverse con siccità severa su tutto il territorio regionale, vento forte, alte temperature, piú poderosi accumuli di fogliame secco: lo scenario perfetto per l’innesco di un devastante incendio boschivo. «Ricordiamo – spiegano gli esperti – che alle nostre latitudini non esiste un innesco spontaneo (autocombustione), salvo a causa di un fulmine, dunque dobbiamo porre la massima attenzione alle nostre attività, evitare qualunque tipo di abbruciamento, ed in caso di avvistamento di focolai, avvertire tempestivamente le unità di antincendio boschivo, utilizzando il Numero Unico Emergenze 112».

Foto Marinella Zardi