Per valorizzare la Big Bench di Serremarchetto, il CAI Pinasca sta organizzando una corsa in salita del circuito Vertical Sunsets per il prossimo 25 maggio.

 

 

Il comune di Pinasca ha concesso il patrocinio alla corsa podistica “Vertical della panchina gigante” che il CAI di Pinasca ha messo in cantiere per il prossimo 25 maggio.

 

Il circuito Vertical Sunsets

«Ci inseriremo nel circuito Vertical Sunsets – spiega Michele Ferrero, vicepresidente della sezione -in modo da ottimizzare gli sforzi e la promozione dell’evento in cui speriamo di coinvolgere 150-200 partecipanti».

 

600 metri di dislivello

Gli atleti partiranno – a 15 secondi l’uno dall’altro – dal Salone polivalente e percorrendo dapprima Via Pola, poi il sentiero per il Podio, passando dai Giustetti, saliranno fino alla Big Bench installata lo scorso anno dal CAI a Serremarchetto (dislivello indicativo di circa 600 metri). «L’idea del Vertical – continua Ferrero – è nata quasi per scherzo con Omar Riccardi (ndr organizzatore del Vertical Sunsets) a cui il percorso è piaciuto davvero molto».

 

Dopo la gara, si fa festa

Naturalmente, seguendo lo spirito che anima il circuito Vertical Sunsets, «dopo la gara, è in programma non solo la premiazione, ma anche una cena per tutti al polivalente, dove non mancheranno prodotti tipici del territorio da far scoprire agli atleti ospiti. Con l’auspicio che ritornino a Pinasca con le loro famiglie anche prima della prossima edizione del Vertical».

 

La prima ma non l’ultima

Desiderio del CAI, infatti, è che la corsa 2022 sia solo la prima di una lunga serie.

 

In cerca di volontari

«Ma per farlo abbiamo bisogno di volontari che ci diano una mano (ndr Pro Loco e Alpini hanno già risposto presente!); per farsi avanti i nostri contatti si trovano sul nostro sito (https://www.caipinasca.it), ci sarà da fare per tutti!»

 

La big bench di Serremarchetto

È stato proprio il CAI di Pinasca a realizzare la Big Bench (panchina gigante) pinaschese. Collocata presso uno dei punti panoramici di Serremarchetto, la panchina è la quinta nell’area delle valli Chisone e Germanasca (dopo Pian dell’Alpe (Usseaux), Pequerel (Fenestrelle), Pomaretto e Perosa Argentina), in attesa dell’inaugurazione di quella di Villar Perosa.