La notte del 9 aprile ha visto l’Italia del curling qualificarsi per le semifinali grazie alla vittoria sulla Svizzera e poi cedere alla Svezia, guadagnando però un posto nella finale per il 3°-4° posto.

 

Joel Retornaz

Una notte da ricordare a Las Vegas

Gli azzurri del curling con una prestazione di grande agonismo e determinazione hanno superato con il punteggio di 10 a 4 la Svizzera di Yannick Schwaller nella notte del 9 aprile, volando in semifinale al campionato mondiale a Las Vegas.

Con la Svizzera in scioltezza

Un incontro iniziato nel migliore dei modi: 4 punti segnati nella prima mano. Questo ha consentito di giocare con apparente calma il resto dell’incontro con un gioco conservativo. L’agonismo della formazione svizzera ha cercato di mettere in difficoltà l’Italia, ma gli azzurri sono stati bravi a mantenere la concentrazione ed a controllare l’incontro con una percentuale di gioco di altissimo livello da parte di tutti i giocatori.

 

Una Svezia troppo forte

Nel successivo incontro di semifinale niente da fare per gli azzurri opposti alla Svezia. Dopo il successo che ci ha portato a sfidare i Campioni Olimpici Joel, Amos, Sebastiano e Simone sono entrati in campo determinati a “vendere cara la pelle”, ma la formazione stellare di Niklas Edin non ha concesso nulla .Dopo un inizio equilibrato la svolta della gara al quinto end :una doppia bocciata dello skip scandinavo ha segnato la gara con 4 punti in casa. Sul punteggio di 7 a 1 sono stati vani i nostri tentativi di rimettersi in gioco. Un punto al sesto end, due successive mani rubate e poi, la resa alla nona mano con un ultimo punto svedese e punteggio di 8 a 4.

Canada-Svezia per l’oro

Nell’altra semifinale il Canada ha superato gli Stati Untiti per 8 a 4.

Italia-USA per il bronzo

Stasera – 10 aprile – alle 20 ora italiana l’Italia scende sul ghiaccio con i padroni di casa alla ricerca di un podio storico.

Il miglior risultato italiano della storia

Comunque finisca la gara per gli azzurri questo Campionato del Mondo verrà ricordato ed incorniciato come il miglior risultato della storia azzurra. Dall’alto vi guarderà Franco Zumofen e sarà fiero di voi. Grazie da parte di tutti gli sportivi pinerolesi e non solo.