Pinerolo. Lunedì 11 marzo nella Chiesa “Madonna di Fatima” un vasto e commosso pubblico ha applaudito con entusiasmo il concerto d’organo “My favourite Bach”, confermando una volta di più l’indiscussa bravura del Maestro organista Mario R. Cappellin.

Prima del concerto, l’organologo Silvio Sorrentino ha raccontato la storia artistica, culturale e sociale, dei vari organi presenti nella zona. Ogni strumento ha molto da testimoniare attraverso i secoli a livello storico, artistico e spirituale.

Il concerto ha coronato in maniera indimenticabile la presentazione di un importante progetto scaturito dalla costruttiva  collaborazione tra Silvio Sorrentino e Mario Cappellin, un cammino teso a promuovere la valorizzazione e la conoscenza degli organi pinerolesi.

Pinerolo diventerà presto un punto di riferimento nazionale e internazionale grazie alla promozione di giovani talenti e a tre strumenti di valore, autentici gioielli: l’organo Lanzini-Dell’Orto in stile barocco tedesco antico, istallato nel 2011 nella Chiesa “Madonna di Fatima”; l’organo Tamburini, in stile neobarocco proveniente da villa Bonotto, che verrà restaurato ricollocato nel 2020 nella chiesa del Colletto; e l’organo Tamburini ora in restauro che verrà ricollocato, ampliato da Mascioni in stile eclettico con ispirazione romantica francese, nel Santuario del “Sacro Cuore di Gesù” presso i Padri Oblati. Per quest’ultima realizzazione è in atto una raccolta fondi.

Pinerolo potrà quindi vantare la presenza, nella medesima città, di tre organi di sonorità molto differenti, coprendo all’occorrenza un repertorio assai vasto sotto ogni punto di vista.

Edi Morini