L’assessore Luigi Genesio Icardi ha comunicato la modalità di gestione dei pazienti Covid-19 clinicamente guariti e in isolamento domiciliare che devono accedere ai tamponi di controllo per tornare in piena attività: «Per eseguire i test di conferma virologica della guarigione saranno convocati dal servizio di Igiene e Sanità pubblica della loro azienda sanitaria locale e informati sulle modalità da seguire. Verrà chiesto loro di recarsi, muniti di mascherina, in appositi ambulatori o camper, mentre in altri casi potrebbero ricevere la prestazione rimanendo a bordo della propria automobile, secondo la modalità ‘drive-through’. Tutto ciò, con un notevole risparmio di tempo, energie e utilizzo di dispositivi di protezione individuale da parte degli operatori sanitari, oltre che a vantaggio di una migliore razionalizzazione del servizio. In questo modo velocizziamo e aumentiamo le prestazioni di esecuzione dei tamponi rino-faringei, alleggerendo il carico di lavoro degli operatori, che altrimenti dovrebbero recarsi al domicilio dei pazienti».

Nel contempo da lunedì la Regione inizierà a rendersi autonoma nella produzione dei reagenti necessari per i tamponi. L’assessore all’Innovazione e alla Ricerca, Matteo Marnati, ha infatti informato il Consiglio regionale che lunedì 6 aprile sarà avviata la produzione in autonomia dei reagenti necessari per il test sul contagio: «Nelle tre Università si sta lavorando alacremente. Domani ci sarà il test preliminare e dalla prossima settimana potrà iniziare una produzione senza limiti a prezzi molto più bassi di quelli del mercato».