«Pearlman ci aiuta a entrare nel suo personalissimo dialogo con Dio, intrecciato e intessuto dei piccoli oggetti e delle persone che costituiscono e costellano il suo quotidiano. Oggetti e persone che non sempre sono anche i nostri, ma nei quali ci ritroviamo perché i nostri sono tanto simili a quelli». Così la musicista e teologa Chiara Bertoglio, nella prefazione, presenta il libro “L’ultimo posto” di Eric Pearlman.

«Le sue poesie/preghiere – prosegue Bertoglio –  circolano, infatti; trasportate dalle correnti misteriose del web, che amplifica i sussurri e a volte silenzia le grida, ma che spesso sa raggiungere in modi impensati porti lontani, e deporre sull’uscio di chi ne ha bisogno la risacca di una parola “giusta”. Pearlman ha il dono raro di saper dire l’uomo di oggi, nella sua nuda verità, nelle sue fatiche, in interrogativi che spesso somigliano a quelli di un Giobbe 3.0; ma anche – e questo è forse ancora più raro – di parlare con le parole di Dio, di parlare a Dio con le parole che Egli vuole sentire, quelle che ha messo sulle nostre labbra».

Il libro è disponibile in formato Pdf  e può essere richiesto gratuitamente scrivendo a vita@diocesipinerolo.it