Skip to Main Content

Lettere al direttore  

Sul femminicidio di Luserna

Sul femminicidio di Luserna
Caro Direttore,
dopo ogni tragedia si ascoltano con raccapriccio le considerazioni più curiose. Il femminicidio avvenuto in Val Pellice non fa eccezione. C’è chi si chiede “cosa facesse una signora fuori casa a quell’ora!”
Altri si domandano perché “ci fosse un bar aperto a quell’ora!”
Una vittima appartenente al gentil sesso e una barista che fa parte dell’altra metà del cielo vengono bersagliate di critiche più del killer.
Chiunque deve potersi muovere liberamente, protetto e tutelato, in qualunque orario, indipendentemente dalla sua età, dal sesso, dal contesto in cui vive.
Inoltre, un bar aperto in ore tarde garantisce momenti di accoglienza preziosi: ci sostano coloro che restano in panne con l’automobile. Si fermano lì lavoratori notturni e i malcapitati che non reperiscono una toilette pubblica pulita e custodita per chilometri. Che cosa faceva una barista con il locale aperto a quell’ora? Lavorava! Come generazioni di professionistie del settore prima di lei, degni e degne di rispetto.
“Il resto è silenzio” come diceva Shakespeare.
Lettera firmata

LASCIA UN COMMENTO  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *