La decisione è presa. A breve il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio formalizzerà il ritorno in classe in presenza dal 7 gennaio per le primarie e le secondarie di primo grado, mentre le scuole superiori dovranno attendere fino al 18 gennaio; nel frattempo le lezioni si faranno con la didattica a distanza al 100% (ad eccezione degli studenti con esigenze speciali e delle attività di laboratorio). Covid permettendo, verrebbe da aggiungere.

Prima di decidere, la Regione ha incontrato nella mattina del 5 gennaio le Prefetture, i Sindaci dei Comuni capoluogo, i Presidenti delle Province, i rappresentanti degli Enti locali (Anci, Anpci, Upi, Uncem e Ali-Legautonomie), sentiti anche i sindacati, l’Ufficio scolastico regionale e il Ministro della Salute.