Da tempo in Regione Piemonte si assiste da parte della maggioranza alla messa in discussione della legge regionale – votata all’unanimità nel 2016 – sul contrasto al gioco d’azzardo patologico, nonostante gli ottimi risultati raggiunti in termini di riduzione della ludopatia.

La candidata sindaco di Pinerolo Silvia Lorenzino

Silvia Lorenzino, candidata sindaco della coalizione di Centro-Sinistra a Pinerolo, al riguardo è perentoria: «È insensato abrogarla a soli 5 anni di distanza, riducendo il ruolo dei sindaci e delle amministrazioni locali. Il nuovo Disegno di Legge proposto venerdì dalla Giunta Cirio, prevede infatti una contrazione dei poteri sindacali sugli orari di apertura di sale slot e sale scommesse, scontrandosi con i pronunciamenti della Corte Costituzionale, che attribuiscono ai Sindaci il potere di fare ordinanze su orari e distanze per finalità sanitarie.
Come candidata sindaca di Pinerolo, mi auguro che la Giunta regionale non porti avanti questa sorta di sanatoria che farà nuovamente dilagare i locali del gioco ad ogni angolo di strada, con gravi conseguenze sanitarie e finanziarie per i cittadini».