«Condivido senza mezzi termini – scrive oggi il consigliere regionale dei Moderati, Silvio Magliano – le ragioni degli imprenditori e dei lavoratori del comparto delle palestre, del fitness e delle scuole di danza, espresse pacificamente, poco fa, in un flash mob in piazza Castello a Torino».A suscitare le proteste del settore il fatto che “le attività di questo tipo non sono mai davvero rientrate nei ristori regionali destinati allo sport (non tutte le palestre sono affiliate al CONI e dunque iscritte al registro delle Associazioni Sportive: urge una riforma nazionale del comparto)” e sono state penalizzate in quanto “la maggior parte degli introiti si fanno nel periodo invernale: ecco perché una chiusura prolungata (fino a marzo e oltre) rischia di avere effetti devastanti”. Magliano auspica che “il Governo trovi una soluzione per sbloccare la situazione e pensi a una riforma dell’intero comparto sportivo. Il tema del diritto al lavoro o a un adeguato sostegno economico è alla base della giusta e pacifica manifestazione di questo pomeriggio. Alcune di queste attività sono fondamentali per chi deve seguire, per ragioni di salute, percorsi di riabilitazione”.