«Oggi in III Commissione l’assessore regionale Matteo Marnati ha ammesso che l’impugnativa della legge sulle derivazioni idroelettriche rende impossibile erogare i 4,2 milioni promessi alle Rsa autorizzate e non convenzionate, a ristoro dei consumi elettrici», così Monica Canalis consigliere regionale del Partito Democratico commenta la brutta notizia per le Rsa del Piemonte «che non hanno ancora ricevuto i ristori approvati dal Consiglio Regionale il 20 gennaio e che hanno quasi il 30% di posti vuoti».

Monica Canalis, consigliere regionale Pd

«Come Pd – prosegue Canalis – avevamo denunciato l’incertezza delle fonti finanziarie della Legge Regionale 3/2021 sui ristori, e ora purtroppo il nodo è venuto al pettine: vengono, infatti, a mancare 4 milioni su 40 previsti dal provvedimento regionale sui ristori. La Giunta Cirio nel 2020 non ha protetto le Rsa ed ora nel 2021 sembra volerle lasciar chiudere».