Cominciano le consultazioni tra Rete Bianca e gli altri movimenti politici e civici.

«Dopo la presentazione pubblica del documento sulla nuova “alleanza civica e politica” in vista delle prossime elezioni amministrative della città di Pinerolo – scrivono in un comunicato stampa i suoi rappresentanti – il movimento politico e culturale Rete Bianca – di area cattolico democratica e popolare – inizia gli incontri con i partiti pinerolesi e alcuni movimenti civici.

L’obiettivo resta quello di dar vita, attorno ad un progetto di governo per la città, ad una alleanza che faccia perno sul civismo cittadino aperto, però, a tutte quelle forze politiche che aderiscono a questa proposta. Ovviamente si tratta di un cantiere aperto dove gli elementi programmatici si costruiscono progressivamente con tutti i soggetti interessati in vista della definizione di un progetto che sia capace di trasformare Pinerolo realmente nella città capofila dell’intero comprensorio pinerolese.

Giorgio Merlo, uno dei promotori di Rete Bianca

È persin ovvio ricordare, come scritto ed illustrato nel documento recentemente discusso nella pubblica assemblea di Pjnerolo, che un progetto civico e politico come quello su cui stiamo lavorando, non potrà che essere gestito e guidato da un gruppo dirigente autorevole, competente e radicato nel tessuto cittadino. Senza alcuna arroganza, presunzione e senza distribuire patenti a chicchessia in materia di rinnovamento e di cambiamento. Ma con l’unico obiettivo di mettersi, sommessamente, al servizio della città e dei suoi cittadini».