Le scuse ai torinesi del sindaco Stefano Lo Russo per l’aumento dell’aliquota Irpef comunale incontrano l’ironia del neo segretario provinciale di Noi Di Centro, Guido Calleri di Sala.

«La notizia dell’aumento dell’Irpef da parte del Sindaco di Torino e anche le sue scuse rivolte ai 12mila contribuenti che verranno toccati dal provvedimento non possono essere considerati un brillante inizio di mandato – dichiara il neo segretario provinciale di Noi Di Centro, Guido Calleri di Sala -. Anche se il provvedimento riguarderà una percentuale minima di contribuenti, l’augurio che possiamo fare è che le risorse servano a migliorare i servizi comunali che oggi sono, purtroppo, carenti.
Senza alcuna polemica strumentale e politica, ci si rammarica per un provvedimento che andrà a colpire dei contribuenti e le scuse, purtroppo, non fanno che ingigantire il problema e non ci sono scuse anche se si è appena insediati. Un’attenta gestione da parte delle precedenti amministrazioni avrebbe, magari, evitato questa situazione di palese difficoltà economica e finanziaria».