Il sindaco di Pragelato, Giorgio Merlo, detta la ricetta per il successo della stagione della neve: garanzia dei controlli da parte delle istituzioni e senso di responsabilità da parte dei turisti.

La stagione è già partita

«La stagione sciistica in Piemonte può ripartire – anzi, è già partita – nel pieno rispetto delle norme sanitarie e delle rigide prescrizioni normative capaci di proteggerci dalla pandemia. E questo vale per tutte le specialità del mondo dello sci: dal fondo di Pragelato allo sci alpino delle diverse stazioni della Via Lattea a molte altre stazioni ed impianti sportivi piemontesi», sottolinea il sindaco di Pragelato, Giorgio Merlo.

Controlli e senso di responsabilità

«Ma ci sono due aspetti che non possono e non devono essere sottovalutati in vista dell’apertura ufficiale della stagione invernale: la garanzia dei controlli da un lato da parte degli organismi istituzionali e delle varie forze dell’ordine e, soprattutto, il senso di responsabilità dei turisti e delle migliaia di persone che si recheranno in questi luoghi nelle prossime settimane dall’altro».

Rispetto delle norme per una stagione “normale”

«Dal rispetto rigoroso di questi due elementi concreti, ma decisivi, noi sapremo se la stagione invernale legata al mondo dello sci potrà avere un decorso normale o se, al contrario, andremo nuovamente incontro a quelle difficoltà che abbiamo già sperimentato nello scorso anno».

Credibilità delle istituzioni e tutela dei lavoratori della neve

«Ecco perché questa stagione turistica, ed agonistica, a cominciare dal comparto territoriale della Via Lattea, non può e non deve fallire. Ne va della credibilità delle istituzioni locali ma, soprattutto, di quelle migliaia di persone che vivono e costruiscono il loro futuro economico, e non solo economico, sulla efficacia e sulla riuscita di questa stagione”.