Anche quest’anno in occasione della 9a Giornata Nazionale di Prevenzione dello Spreco Alimentare, del 5 febbraio, il Banco Alimentare desidera condividere alcune riflessioni.

Questa ricorrenza è un’occasione di valorizzazione di tutte quelle attività, relazioni, iniziative, che ogni giorno vengono portate avanti su questo tema.
Un modo per ricordare i tanti e indispensabili soggetti che operano in questa importante missione, sensibilizzare chi ancora non ne fa parte e conoscere l’impatto che tutto questo ha sul nostro territorio.

 

Qualche numero

Nel 2021 Banco Alimentare del Piemonte ha recuperato, infatti, quasi 4.500 tonnellate di cibo dallo spreco. Un risultato che ci riempie di gratitudine perché è andato oltre la necessità dell’emergenza 2020, consolidando partnership e creandone di nuove, permettendo di sostenere 111.249 persone in grave difficoltà alimentare sul nostro territorio.

Questo è stato possibile grazie a una rete composta da 138 industrie, 291 supermercati, 8 piattaforme logistiche, il Centro Agro Alimentare di Torino, la ristorazione e le mense, da cui vengono recuperati alimenti quotidianamente. Per noi ogni giorno è “LA” giornata di prevenzione dello spreco alimentare, perché ogni giorno siamo impegnati ad evitare che cibo buono finisca sprecato. Tutto l’anno!

 

Cultura del non spreco

Accanto a questa azione di recupero, portiamo avanti anche quella di diffusione di una cultura del non spreco, che parte dal far capire come salvare un “prodotto in eccedenza”, invece che buttarlo… e donare. Alcuni prodotti non sono infatti più vendibili per tante ragioni: difetti estetici, fuori stagione, dimensioni e caratteristiche oltre gli standard, prodotti prossimi alla scadenza, o con TMC superato, ma rimangono ancora perfettamente edibili… E diventano per noi un tesoro prezioso di alimenti qualitativamente validi, che possono essere donati alle persone che ne hanno bisogno. Un circolo virtuoso che unisce solidarietà, responsabilità sociale e salvaguardia ambientale. Ricordiamo infatti anche che, al dimezzamento dello spreco alimentare sul nostro pianeta entro il 2030, è dedicato uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU: il GOAL 12.3, a cui anche Banco Alimentare contribuisce.

 

Un milione di poveri in più del 2020

Negli anni la strada per recuperare alimenti ha richiesto alla Rete Banco Alimentare un accresciuto impegno logistico, una professionalità rafforzata, viva e alimentata da nuovi strumenti anche digitali. 5.6 milioni di persone in povertà, 1 milione in più rispetto al 2020, si rivolgono alle oltre 7.500 strutture caritative convenzionate con Banco Alimentare in Italia, oltre 600 solo in Piemonte. Numeri grandi che ci sfidano ogni giorno a trovare soluzioni innovative per accrescere la nostra capacità di recuperare e distribuire più cibo, a rafforzare le partnership con i soggetti del sistema alimentare e con tutti coloro che in varie forme e modalità camminano al nostro fianco e che hanno trasformato la lotta allo spreco in un impegno costante tutto l’anno.

Info e dettagli

Comunicazione Banco Alimentare del Piemonte
Chiara Lignarolo
T. 333 669 42 07
comunicazione@piemonte.bancoalimentare.it

Giornata Nazionale di Prevenzione contro lo Spreco Alimentare: https://www.sprecozero.it/giornata-nazionale-di-prevenzione-contro-lo-spreco-alimentare/