Stamane è atterrato a Genova un contingente di infermieri selezionati dal Governo con bando. In Piemonte ne verranno 15. E la settimana prossima arriveranno nella nostra Regione altri 20/25 medici e 20 infermieri. Questa misura si unisce a quella dell’Unità di Crisi regionale, che il 30 marzo ha contattato le strutture residenziali per anziani e disabili per mettere a disposizione le graduatorie delle Asl. Si sta, quindi, cercando di far fronte alle assenze del personale causa malattia, ma non basta ancora.

La vicesegretaria regionale del Pd, Monica Canalis

È urgente aumentare i “tamponi di guarigione” su tutto il personale sanitario, cioè i tamponi che sanciscono l’avvenuta negativizzazione e la possibilità di tornare sul luogo di lavoro. Bisogna dare priorità al personale ospedaliero ma anche ai farmacisti, ai medici di medicina generale, al personale della Croce Rossa, agli infermieri e Oss delle Rsa e anche alle strutture sociali sanitarie e sociosanitarie residenziali del Terzo settore.

Infine, mentre nell’immediato è comprensibile sostituire il personale con figure non qualificate come previsto dalla Dgr 4 del 18 marzo, urge che la Giunta Cirio faccia un bando di reclutamento straordinario regionale a tempo determinato per medici, infermieri e Oss con qualifica. Le Rsa non si risolleveranno dalla catastrofe in corso e le altre articolazioni sanitarie continueranno a essere in affanno se non si reperisce in fretta nuovo personale, che sostituisca chi si è ammalato.

Monica Canalis – vice Segretaria Pd Piemonte e Consigliera regionale