Questo è stato un Natale particolare, molti hanno dovuto passarlo lontano dai familiari, altri invece hanno dovuto scegliere i pochi intimi da incontrare. C’è poi chi ha preferito trascorrerlo davanti ad un film natalizio spesso in compagnia dei classici, nella miglior tradizione. Per Capodanno vogliamo proporvi un film italiano ormai dimenticato, ma che siamo sicuri amerete: “Risate di gioia” di Mario Monicelli.

Seguiamo l’ultimo dell’anno di Tortorella, attrice di Cinecittà invitata ad una festa da alcuni conoscenti senza sapere che l’unica ragione del suo invito era dovuto alla scaramanzia. Con lei hanno scampato infatti l’infausto numero di tredici invitati. La donna viene presto messa da parte e non più considerata, ritrovandosi a passare la serata in compagnia dell’attore decaduto Umberto. Anche lui però aveva altri piani in mente per il suo Capodanno.

Abbiamo già citato Mario Monicelli, regista e re della commedia italiana, ricordato per moltissimi film tra cui le pietre miliari “Amici miei” e “La grande guerra”. Non abbiamo ancora parlato però del cast, che vede una collaborazione esclusiva tra due dei più grandi nomi del cinema italiano. Parliamo di Anna Magnani, nel ruolo di Tortorella, all’epoca fresca di Oscar e in un momento di maturità artistica assoluta e Totò, re della commedia e principe della risata che sicuramente non ha bisogno di presentazioni.

Un film che negli anni è stato dimenticato, ma che merita una riscoperta e perché no proprio l’ultimo giorno dell’anno, per sotterrare questo infausto 2020 sotto una risata.

Disponibile gratuitamente su Raiplay, servizio streaming della Rai.

Federico Depetris