Per la Giornata Nazionale dell’Informazione Costruttiva, il 3 maggio enti e istituzione del mondo della comunicazione propongono un’azione comune per promuovere un’informazione costruttiva, libera da spettacolarizzazione della negatività e delle polemiche, al servizio delle soluzioni e del bene comune.

 

 

Martedì 3 maggio, in occasione della Giornata mondiale per la libertà di stampa, il Movimento Mezzopieno, insieme a un centinaio di enti promotori, aderenti e patrocini e giornalisti, organizza la seconda edizione della Giornata Nazionale dell’Informazione Costruttiva per coinvolgere giornalisti e giornaliste di tutta Italia, redazioni e media a diversi livelli in un momento di azione e sensibilizzazione sul giornalismo e sull’informazione al servizio della società.

 

Spazio alle notizie costruttive

Il 3 maggio, i professionisti dell’informazione sono invitati a pubblicare e dare risalto a notizie, approfondimenti, reportage e storie costruttive, con l’obiettivo di realizzare un’informazione al servizio del benessere dei lettori e del bene comune, libera da sensazionalismi, polemiche, fake news e che sappiano aiutare il lettore a comprendere la realtà e portare  consapevolezza e fiducia nel mondo e negli esseri umani.

 

Diretta pubblica online

Ideata dal movimento Mezzopieno e da un gruppo di media promotori, la Giornata proporrà approfondimenti e confronti attorno ai modelli e agli strumenti costruttivi messi in campo dal mondo dell’informazione e vedrà coinvolti 20 partecipanti in una diretta pubblica trasmessa online, martedì 3 maggio, dalle 9 alle 13, sul sito dedicato alla giornata:https://www.giornatainformazionecostruttiva.site/

 

A Milano “Il giornalismo che vorrei”

Dalle 14 alle 17, in presenza a Milano, presso l’Hotel Manin (Via Manin 7, Milano) si terrà l’evento di formazione “Il giornalismo che vorrei. Costruire e valorizzare un giornalismo più costruttivo e al servizio del bene comune e ricreare la fiducia nei lettori”, organizzato da Mezzopieno, insieme a Constructive Network, Dirittodellinformazione.it, Freelance Network Italia, che rifletteranno su come promuovere il diritto all’informazione e valorizzare il giornalismo costruttivo.

 

Un’indagine nazionale tra lettori e giornalisti

Per ampliare la riflessione, le quattro organizzazioni proponenti hanno lanciato un’indagine nazionale dal titolo “Il giornalismo che vorrei”, il cui obiettivo è coinvolgere lettori, fruitori di media e giornalisti in un’ampia riflessione e un confronto allargato e condiviso sul giornalismo italiano e valorizzare le forme e le fonti di giornalismo costruttivo che hanno saputo creare e coltivano un rapporto di fiducia con i propri utenti

 

L’evento sarà in streaming, aperto a tutti, senza necessità di iscrizione e accesso ai crediti, sul sito: https://www.giornatainformazionecostruttiva.site/

 

Obiettivi della Giornata

  1. Coordinare le esperienze italiane che stanno lavorando per un modello positivo di comunicazione e un giornalismo costruttivo
  2. Valorizzare il lavoro di giornalisti e di giornaliste, testate ed editori impegnati in un’informazione per la crescita della società e del bene comune
  3. Coinvolgere i lettori e la società in un confronto sulle buone notizie e sull’informazione positiva
  4. Redigere un protocollo nazionale sulla buona informazione, creato e condiviso dal collettivo di giornalisti aderenti alla campagna

 

Le azioni del 3 maggio

I giornalisti e alle giornaliste aderenti saranno impegnati nelle seguenti iniziative su tutto il territorio nazionale:

  • Scrittura di un articolo/approfondimento/reportage/storia che riporti e dia valore ai criteri del giornalismo costruttivo
  • Pubblicazione del pezzo sui propri canali con il riferimento in calce alla Giornata Nazionale dell’Informazione Costruttiva 2022 e con l’hashtag #GNIC2022
  • Partecipazione degli aderenti alla diretta del mattino e alla formazione gratuita accreditata del pomeriggio da Milano dall’Hotel Manin